Il Blog di Luca C.

Una domenica al parco di Racconigi

Posted on: 1 giugno 2010

 
Avendo finalmente una domenica libera insieme ad Elena, ho desiderato fare una gita fuori porta con gli amici, i quali non vedo ormai da mesi.
L’idea iniziale era quella di recarci al parco della Burcina ovvero a Pollone in provincia di Biella: nel mese di maggio è un’esplosione di colori con le fioriture di azalee, rododendri, cissus e si può ammirare il famoso albero dei fazzoletti.
L’unico neo è stato il maltempo che quest’anno ci ha rovinato la primavera, la Pasqua, la Pasquetta e molte altri giorni di libertà dal lavoro.
Appena sveglio il cielo sopra Torino era minaccioso e molto grigio con una coltre di nubi nere cariche di saette e acqua all’orizzonte sulle colline; sul momento l’unica possibilità era quella di connettersi ad internet e consultare qualche sito di meteo: purtroppo le previsioni date nei giorni precedenti erano cambiate in peggio e nella provincia di Biella il tempo sarebbe stato molto instabile con piovaschi nel pomeriggio con un brusco calo delle temperature, almeno di quelle percepite. Chissà se poi è stato veramente così?
Dopo avere contattato qualche amico abbiamo optato per un cambio repentino di meta: il parco di Racconigi in provincia di Cuneo.
Verso il sud del Piemonte e soprattutto più in pianura il meteo andava a nostro favore e poi nel mese di maggio a Racconigi si possono osservare le cicogne che vanno a nidificare sopra i tetti del castello omonimo.
Il parco di Racconigi è un parco a pagamento, ma il costo del biglietto è accessibile a tutti: solo €2,00 e gratis per chi ha la Tessera Musei.
L’enorme giardino adiacente al castello non è naturale, bensì studiato e costruito ad arte con tanto di laghetto e corsi d’acqua.
All’interno ci si può stupire per la quantità di alberi secolari: lo si capisce dal diametro esagerato dei tronchi.
In teoria anche il parco di Racconigi in primavera inoltrata dovrebbe essere tutto in fiore e molto colorato come pubblicizzano i depliant informativi sui quali ci sono foto di intere distese di fiorellini azzurri che fanno ricordare laghi d’acqua.
Non c’era nulla di tutto ciò e inoltre alcuni viali erano chiusi per pericolo di caduta rami.
Avevo già visitato il parco molti anni fa, ma come l’ho visto quest’ultima volta era in un evidente stato di abbandono: non che fosse sporco o pieno di rifiuti, ma semplicemente non curato, alberi non potati, prati non fioriti e l’erba tagliata lasciata sui prati, i corsi d’acqua di un pesante color grigio fango, le serre e il bar-ristorante in fondo al parco chiusi.
Sempre all’interno del suddetto sono stati posti enormi ammassi di ferro arruginito che dovrebbero essere opere d’arte contemporanea che vanno a contribuire sulla bruttezza del parco.
A rovinare ancora di più la situazione il raduno di tuning appena fuori sulla piazza del castello: un pomeriggio intero che sembrava di stare alla Love Parade di Berlino.
Non so come il comune di Racconigi abbia permesso  questa manifestazione in un posto di interesse storico e naturalistico (vi ricordo che le cicogne vengono a nidificare proprio qui).
Per fortuna almeno il sole è uscito per riscaldarci un po’ e a migliorare il mio umore che era sotto terra fin dal mattino.
 
Per info:
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 182 follower

Archivi

Categorie

Il blog di Luca C. è stato visitato

  • 66,099 volte
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: