Il Blog di Luca C.

Lettera a Monti

Posted on: 2 febbraio 2012

“Il posto fisso? Che noia. I giovani si abituino”

 
Il presidente del Consiglio Mario Monti a Matrix 

Monti: “L’articolo 18 ha determinato apartheid nel mercato del lavoro”

UGO MAGRI
roma

Ai bamboccioni (come li definiva Padoa-Schioppa) per giunta un po’ sfigati (secondo il ministro Martone), ai nostri giovani insomma, Monti ricorda quanto «è bello cambiare». Automobile? Fidanzata? No, lavoro. «Che monotonia avere un posto fisso per tutta la vita», scuote lievemente la testa il Professore mentre le telecamere gli dedicano un primo piano. E non c’è in queste parole compatimento per le nuove generazioni; semmai un tentativo ardito, che farà discutere, di pedagogia sociale: se l’Italia non si scrolla finalmente di dosso le sue abitudini, se resta «abbarbicata ai propri interessi particolari», rischia il peggio. […]

Da http://lastampa.it del 2 febbraio 2012

Caro Monti,

attualmente ci sono molte situazioni lavorative instabili e, se si andrà a peggiorare, saranno disoccupate molte persone tra cui molti trentenni. Magari la situazione si risolleverà e tutto si ricorderà come un brutto sogno. Nella mia vita ho avuto due contratti di lavoro importanti a tempo indeterminato, il primo full-time, dal 1999 al 2006 e il secondo part-time al 75% abbastanza comodo e tutto sommato ancora ben retribuito, dal 2007. Mi ritengo fortunato ad essere stato assunto presso l’azienda per cui lavoro, forse perché il momento era propizio e forse perché un po’ me lo sono meritato, ma per molti non è così. Le posso assicurare che molti giovani prendono seriamente  la situazione storica ed economica attuale e sono molto scoraggiati. E’ notevole l’impegno che i giovani dedicano alla ricerca di lavoro, ma purtroppo è assai difficile trovare aziende che: 1) assumano, 2) assumano persone con più di 30 anni, 3) che assumano a tempo indeterminato, 4) assumano full-time. Molte aziende offrono lavoro part-time, molte volte solo per i week-end o  per i festivi. So che per legge è possibile fare più part-time in al massimo due aziende col raggiungimento delle 40 ore settimanali, ma in realtà ciò non è quasi sempre possibile perché al dipendente viene richiesta la massima flessibilità nell’orario di lavoro. Per cui non sono pienamente d’accordo con Lei quando afferma che i “giovani” debbano rinunciare a contratti di lavoro indeterminato e che svolgere le stesse mansioni sia ripetitivo e noioso e che, invece, sia stimolante mettersi sempre alla prova e fare continuamente nuove esperienze. Ha dedicato, invece, un pensiero a tutti quei giovani che hanno deciso di andare a vivere per conto proprio tagliando il cordone ombelicale che li lega ai genitori? Le chiedo, infine, se nei lunghi periodi di attesa che passano da un lavoro all’altro sarà Lei a pagare le spese mensili (affitto, riscaldamento, bollette varie, spese condominiali) e le spese settimanali (rifornimento di cibo), perché quelle non sono a tempo determinato.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 154 follower

Archivi

Categorie

Il blog di Luca C. è stato visitato

  • 63,563 volte
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: