Il Blog di Luca C.

Bad religions

Posted on: 11 agosto 2016

Era un giorno caldo di fine luglio. Grande sgomento per i recenti attentati terroristici in Francia e Germania. Per rallegrarci un po’ e per distogliere l’attenzione anche da altre situazioni personali noiose siamo andati a vedere la mostra degli Zar nella splendida Reggia di Venaria. Apro una parentesi: sarebbe interessante, ora, andare a vedere di persona il palazzo degli Zar a San Pietroburgo. Chiusa parentesi. Intanto il tempo a Venaria stava cambiando verso il peggio: si era alzato il vento e stavano arrivando minacciose nubi grigie. Il classico temporale estivo dove è meraviglioso osservare il contrasto tra il cielo azzurro, i giardini colorati della Reggia e il nero in arrivo. Usciti dalla mostra un ulteriore spettacolo di colori ci attendeva oltre la torre dell’orologio: un gruppo di persone della Costa d’Avorio vestita con abiti tipici coloratissimi stava festeggiando il matrimonio di due di loro. Gli sposi erano vestiti di bianco, i testimoni di blu “elettrico”, gli altri di verde smeraldo e i bambini davano meno nell’occhio. Quel mescolarsi di colori donava in quel contesto un qualcosa di spettacolare. La gente si fermava stupita ad ammirarli. E in questo momento che la poesia si è interrotta, quando una donna vestita con uno squallido kway rosso si avvicina ad uno dei bimbi chiedendo con estrema ingenuità: “ma tu sei cattolico?”. La mascella mi e’ caduta a terra, per non citare altre parti molli del corpo. Il bambino guardava la donna con sguardo interrogativo, stando zitto e accennando un sorriso perplesso. Allora cara signora, immagino che tu sia di religione cristiana cattolica e bigotta, ma cosa vuoi che ne sappia un bambino di nemmeno otto anni, ma cosa vuoi che gliene importi di che religione sia? E ora di piantarla di fare i cattolici bigotti falsi perbenisti in questo modo. E se il bambino avesse risposto, fiero, di essere musulmano che avresti fatto, cara signora cattolica bigotta? Avresti urlato, saresti scappata, avresti chiamato la polizia? Lasciamoli tranquilli, almeno i bambini, da queste nostre (vostre) follie religiose. I bambini vengono al mondo liberi senza nessuna credenza religiosa. Siamo noi adulti inculcargli erroneamente queste strane ideologie in testa. La prima forma di terrorismo la facciamo noi (la fate voi), la fai tu cara la mia signora cattolica bigotta con queste domane inopportune e senza armi. Io con il tempo ho imparato a starne lontano nonostante battesimo, catechismo, comunione e ore inutili di religione a scuola. La materia religione, nelle scuole statali, dovrebbe insegnare la storia di tutte le religioni e non essere una lezione di catechismo, peraltro inutile. Io ho capito che si è liberi senza queste credenze che la famiglia e la società ci inculcano fin da infanti. A mio parere tutti i bambini dovrebbero essere lasciati crescere in pace e solo quando avranno raggiunto l’età della ragione potranno scegliere loro stessi se credere in qualche dio, sempre che esista, oppure se dichiararsi serenamente atei.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 182 follower

Archivi

Categorie

Il blog di Luca C. è stato visitato

  • 66,065 volte
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: