Il Blog di Luca C.

Archive for the ‘Cinema’ Category

Per la serie “i film che nessuno caga perché surclassati dalla major” vi presento due gradevoli piccoli film in cui c’è la presenza di un attore che a me piace particolarmente per la sua bravura ovvero Giuseppe Battiston.

Risultati immagini per finché c'e prosecco c'è speranza

Il primo film, più recente, si intitola Finché c’è prosecco c’è speranza diretto da Antonio Padovan e tratto dal libro omonimo di Fulvio Ervas. La vicenda si svolge nella meravigliosa campagna veneta in cui si produce prosecco. Il conte Desiderio Ancillotto noto produttore di vini pregiati viene trovato morto. Chiaramente si tratta di suicidio, ma misteriosi omicidi di persone vicine al conte riaprono il caso. Ad indagare c’è l’ispettore Stucky (si legge Stucchi) interpretato dal bravo Battiston.

Risultati immagini per io c'è

Il secondo film, meno recente, ma che ho rivisto poco tempo fa con piacere è Io c’è diretto da Alessandro Aronadio, con Margherita Buy, Edoardo Leo e ovviamente Giuseppe Battiston. Massimo Alberti, proprietario di un bed & breakfast, è a rischio fallimento e per evitare di dover pagare troppe tasse indebitandosi ulteriormente decide di inventarsi una religione (lo ionismo) e trasformare l’attività alberghiera in un luogo di culto in cui ospitare i fedeli e farsi pagare con offerte. Ad aiutarlo la sorella Adriana (Margherita Buy) e lo scrittore ed intellettuale Marco (Giuseppe Battiston) che stilerà lo statuto, le regole, i simboli sacri e i riti della nuova religione. I fedeli alla nuova religione aumentano, ma l’unico a non crederci è proprio l’ideatore. Si ride e si riflette. Insomma, con le religioni non bisogna tanto scherzare…

Altri film consigliati:

Annunci

Risultati immagini per blackkklansman locandina

Ve li immaginate due poliziotti, uno di colore e uno ebreo, che conducono indagini all’interno dell’organizzazione Ku Kux Klan, come finti affiliati? Sembrerebbe una farsa, ma è pura realtà! Il regista Spike Lee ci racconta questa vicenda nel suo ultimo film diretto magistralmente. Agli inizi degli anni ’70 l’afroamericano Ron Stallworth si fa assumere come poliziotto e ben presto entrerà a far parte dell’intelligence. Incuriosito da un annuncio di reclutamento nel Ku Klux Klan deciderà di iscriversi all’organizzazione neonazista, fingendosi di essere un bianco, per scoprirne di più sulle possibili attività criminali. Per far ciò si farà aiutare dal collega Flip Zimmerman che è bianco, ma… ebreo! I poliziotti scopriranno che i membri del Ku Klux Klan stanno organizzando un attentato dinamitardo contro la rappresentante dei Black Panthers ovvero il movimento rivoluzionario per i diritti degli afroamericani. Purtroppo Ron e Flip verranno scoperti dal gruppo neonazista. Riusciranno a salvare la pelle ed evitare il peggio prima che sia troppo tardi? BLACKkKLASSMAN è un film ben prodotto, a tratti fa sorridere, ma si tratta comunque di un film serio che fa riflettere sulla crescita di intolleranza, razzismo e nazionalismo dei nostri giorni non solo negli Stati Uniti d’America, ma anche nel nostro caro vecchio continente. Il film si conclude con le tragiche immagini degli scontri del 2017 a Charlotteville e con il successivo discorso del presidente Donald Trump. Nel film compare anche Harry Belafonte nei panni del giudice Jerome Turner testimone di un feroce linciaggio di un uomo di colore accusato troppo facilmente di una violenza sessuale da giudici bianchi.

Altri film consigliati:

Immagine correlata

E’ inutile che guardate il video. Elastic-Girl non ha risolto la situazione. Non fa che rimandare la sconfitta e mentre rimanda la sconfitta voi mangiate patatine lasciando che sia lei a risolvere i problemi che per pigrizia non affrontate. I Supereroi sono parte del vostro sciocco desiderio di rimpiazzare la vita reale con la finzione. Voi non vi parlate, guardate i talkshow; voi non giocate, guardate i giochi televisivi. Viaggi, relazioni, rischi,  ogni esperienza di valore va impacchettata e consegnata al domicilio perché possiate guardarla da lontano in modo da essere per sempre protetti, per sempre passivi, per sempre famelici spettatori che non riescono nemmeno ad alzarsi dai loro divani, fare uno sforzo e vivere una vita vera. Volete che i supereroi vi proteggano: in questo modo diventate giorno dopo giorno più deboli convincendovi che qualcuno vi proteggerà, che i vostri interessi siano tutelati così come i vostri diritti, mentre il sistema si prende gioco di voi con il sorriso stampato in faccia. Fate pure… Mandate i Super a fermarmi, fate uno spuntino davanti allo schermo e guardate che succede. Voi avete perso il controllo e l’ho preso io.

(Discorso dell’Ipnotizzaschermi da Gli Incredibli 2, Disney-Pixar 2018)

Risultati immagini per 7 uomini a mollo locandina

Anche quest’anno cercherò di segnalarvi i film che a mio parere meritano di essere visti almeno una volta. 7 Uomini a mollo (titolo originale Le grand bain) è un bel lungometraggio francese che è stato presentato fuori concorso all’ultimo Festival di Cannes. La storia, che a molti potrebbe ricordare Full Monty, vede protagonista Bertrand che soffre di depressione a causa della perdita del lavoro. A parte la moglie che capisce la situazione, si vede contro i due figli e il resto della famiglia che lo considerano un fannullone: potrete intuire che la situazione non è assolutamente serena. La svolta arriva quando Bertrand decide di iscriversi ad un corso di nuoto sincronizzato maschile. Gli allenamenti in piscina favoriranno la nascita dell’amicizia con i compagni di corso con i quali confidarsi e scoprire pian piano che tutti stanno attraversando un periodo buio della loro esistenza comprese le due allenatrici. La decisione di partecipare ai campionati mondiali di nuoto sincronizzato maschile darà alla squadra la possibilità di svoltare pagina e riscattarsi. Riusciranno a raggiungere il primo posto, ma soprattutto la propria dignità, l’autostima e la stima di chi gli sta vicino? Il messaggio del regista Gilles Lellouche è molto chiaro: anche di fronte alle difficoltà bisogna imporsi un obiettivo da raggiungere assolutamente (anche se per gli altri potrebbe essere  astruso) e non importa se il risultato non sarà quello che ci aspettiamo, ma basta crederci e continuare a perseguire il proprio sogno. Lo dobbiamo a noi, all’amor proprio.

Altri film consigliati:

 

Vi accompagniamo noi è un video ideato e realizzato da Paolo Vinai e il mio amico ed ex-collega Flavio Sasso. Grazie alla collaborazione di alcuni volontari al turismo della città di Torino e, immagino, alle varie autorizzazioni, è stato possibile creare questo cortometraggio che ha l’intento di promuovere ciò che è possibile visitare ed ammirare nella nostra città iniziando dai musei frequentati dai viaggiatori di Costa Crociere ovvero partendo dalla Mole Antonelliana e il Museo del cinema, il Museo Egizio per poi spostarsi verso la periferia (Museo della Juventus) giungendo alla prima cintura (Reggia di Venaria Reale). In venti minuti di video Vi accompagniamo noi, con il suo montaggio ben fatto e un’ottima colonna sonora, raggiunge il suo scopo: promuovere la città metropolitana di Torino stimolando la curiosità di potenziali turisti e omaggiare tutti i volontari che ogni giorno aiutano a renderla accogliente e interessante. BRAVI!

Per info: https://www.youtube.com/channel/UCsbt4vEeOn0IsHLdM-8v-0w


Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 89 follower

Archivi

Categorie

Il blog di Luca C. è stato visitato

  • 86.612 volte
Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: