Il Blog di Luca C.

Immagine correlata

Il film:

In occasione dell’evento SoundFrames Days al Museo del Cinema di Torino anche il Cinema Massimo ha collaborato con alcune proiezioni in cui la musica fa da padrona. Sabato 19 maggio, infatti, sono stati inseriti in cartellone tre film-documentario tra cui quello al quale abbiamo assistito, cioè Italo Disco Legacy di Pietro Anton, presente in sala. Il regista ha voluto raccogliere le numerose testimonianze di chi visse in prima persona l’inizio degli anni ’80  lavorando a progetti musicali dance che prendevano ispirazione dalla disco music del decennio appena terminato e sfruttando i nuovissimi strumenti elettronici. I produttori italiani esaltati dalle potenzialità della musica elettronica presero il sopravvento inconsapevoli di quanto quelle melodie sempliciotte e quei ritmi influenzarono in tutto il mondo la musica dance a venire come la Chicago-house, la techno o più semplicemente i tormentoni pop da cine-panettone. La italo disco circolava grazie al passaparola e ai viaggi in Italia dei DJ stranieri per acquistare prima di tutti le nuove uscite e si diffuse principalmente nell’Europa settentrionale e orientale per poi approdare in altri continenti. Il genere musicale non prese piede in Inghilterra a causa, a quanto pare, della cattiva pronuncia inglese. Per questo motivo molti brani del repertorio italo disco sono strumentali e rimasero underground, complice anche la mancanza di marketing, non godendo del successo sperato fino ai giorni nostri quando la potenzialità di Internet e il “movimento vintage” di questi ultimi anni hanno fatto riscoprire il genere. Oggi i giovani del nord Europa cercano discoteche in cui si organizzano feste con questo tipo di musica perché, dicono, rispetto alla dance odierna ha una marcia in più: fa divertire. E anche noi abbiamo avuto la possibilità di ballarla in una sala cinematografica (il Massimo 3) grazie ai vinili sapientemente mixati dall’esperto DJ Gianluca Pandullo.

Il disco:

Risultati immagini per italo disco legacy vinyl

Ovviamente il dvd del documentario è correlato dalla colonna sonora disponibile sia in digitale che in vinile (anche colorato), ma entrambi sono esauriti e difficili da recuperare se non a prezzi esorbitanti (si parte dai 69 euro su sito discogs.com). Purtroppo non tutti i brani che accompagnano il film sono presenti: immagino che abbiano deciso di inserire le tracce prevalentemente strumentali e che sono rimaste più “underground” tralasciando quelle già famose e come per esempio Passion di The Flirts o Crazy Family di Jack Hattle, tanto per citare qualche titolo. Molti dei brani della colonna sonora sono stati suonati anche durante il DJ set di Gianluca Pandullo che, inoltre, ha dato al pubblico la possibilità di acquistare due compilation di italo disco: I-Robots (italo electro disco underground classics) I-Robots (Turin dancefloor Express) con tracce selezionate dal DJ stesso. Del secondo disco (con tracce italo disco create da produttori piemontesi tra gli anni ’70 e ’80) spicca la versione demo del 1981 (dall’atmosfera molto cupa) di Vamos a la playa dei Righeira.

Risultati immagini per irobots underground

Il libro:

WP_20180519_001

Più unico che raro questo libro del 1981, acquistato ad un mercatino dell’usato dal regista Pietro Anton, è stato lasciato accanto alla consolle di DJ Pandullo per dare la possibilità al pubblico di consultarlo. Dalle poche pagine che ho visto ho potuto constatare che si tratta di un vero sussidio tecnico per tutti coloro che volevano seriamente avvicinarsi al mondo del disc-jockey: da come funzionano i giradischi ai consigli per acquistarne uno (anzi due), alle tecniche di mixaggio e scratching sino ai principi di elettrotecnica ed elettronica per poter assemblare una consolle o costruire in autonomia le casse! Ho fotografato la seconda pagina di copertina per conservare i riferimenti importanti su Il libro del disc-jockey da condividere con tutti voi.

WP_20180519_002

Per info:

https://it-it.facebook.com/ItaloDiscoLegacy/

https://it-it.facebook.com/pandullo

http://www.antiqbook.nl/boox/clio/658.shtml

 

 

 

Annunci

Risultati immagini per wordpress

ilblogdilucac.worpdress.com compirà 10 anni il 31 maggio.

Lo stesso giorno del 2008 usciva il primo post “Jovanotti, Safari Tour al Palaisozaky” nel quale esternavo la mia contentezza per aver finalmente assistito insieme a due mie colleghe al mio primo concerto di Lorenzo Cherubini. Chi l’avrebbe pensato che cinque anni dopo ne avrei visto un altro, ma allo stadio e soprattutto da sposato? In dieci anni sono cambiate tante cose in queste pagine virtuali (compresi nome e link del blog): iniziando da post con contenuti essenzialmente esistenziali, molte volte carichi di insoddisfazione e alcuni troppo negativi  per passare in seguito a post propositivi, di viaggio, di creatività, di esaltazione alla vita e alla felicità per quanto sia difficile in questo periodo storico. Forse dovremmo fermarci a riflettere di più su quanto sfoghiamo le nostre frustrazione e la nostra rabbia sui social network e sui blog: spesso non serve a niente e potrebbe essere controproducente. Per quanto riguarda la mia esperienza, cercare di scrivere contenuti il più possibili positivi aiuta in primis noi stessi e posso assicurarvi che l’esercizio di pensare in positivo, seppur difficile, porta nel medio/lungo periodo gradevoli risultati sia per la nostra mente, sia perché otterremo più visibilità sui nostri blog/social network e alcune volte sorprese inaspettate (vedasi il riscontro del progetto LEGO® Architecture – Turin, Italy). Penso che i presupposti c’erano fin dall’inizio con il primo post sul concerto di Lorenzo-Jovanotti che grazie alla sua energia contagiosa invita tutti ad evitare la negatività! Ringrazio infine tutti i 75 follower del mio blog e tutte le persone che si sono fermate a leggere i miei post con la speranza che abbiano potuto trarne beneficio.

GRAZIE!

SUPPORT THE PROJECT ON

https://ideas.lego.com/projects/2c17aaec-223f-41f7-9956-55006dae162c

Questo slideshow richiede JavaScript.

Con sommo piacere utilizzo di nuovo le pagine virtuali del blog per comunicarvi che finalmente ho terminato la costruzione del set LEGO® Architecture dedicato alla mia città, Torino. Come potete notare, si tratta comunque di un prototipo da perfezionare: alcuni pezzi non esistono attualmente in commercio oppure sono rari e/o costosi. Alcuni esempi: per le facciate laterali del grattacielo di Renzo Piano avrei dovuto usare due plate 4×10 di colore azzurro chiaro trasparente (cod.3030 tr. blue), per i tetti delle torri di Palazzo Madama mi sarebbero serviti quattro plate round 1×1 di colore rosso scuro (cod.6141 new dark red), per la Porta Palatina ho usato il trapano per creare il brick with bow 1×3 (cod.4490 reddish brown) e per la pavimentazione è stato impossibile trovare 16 flat tile 1×2 grigio chiaro (cod.3069 medium stone gray). Insomma, alla fine sono riuscito a concludere questo progetto a mio avviso molto interessante e potenzialmente commerciabile. Tra le tante idee “legose” che ho avuto in questi anni LEGO® Architecture – Turin, Italy è quello più importante e che ha riscontrato un successo insperato grazie all’articolo su La Stampa di Giuseppe Culicchia, a brevi passaggi radiofonici con Katia De Rossi di Radio Number One e alla video intervista di Gioele Urso per il sito torinotoday.it, ma anche a molti seguaci amanti dei mattoncini LEGO che hanno scoperto il progetto per caso e mi hanno contattato su Facebook. Mentre scrivo queste righe il progetto LEGO® Architecture – Turin, Italy ha 1098 voti e spero che superi i 1100 quando uscirà il post (vi ricordo che ho bisogno di 10000 voti!).

Per votare LEGO® Architecture – Turin, Italy:

https://ideas.lego.com/projects/2c17aaec-223f-41f7-9956-55006dae162c

Per seguire la pagina Facebook My Brick Experience:

https://www.facebook.com/mybrickexperience

Per leggere l’articolo di Giuseppe Culicchia su La Stampa:

http://www.lastampa.it/2017/09/15/italia/il-precario-che-ha-progettato-la-torino-di-mattoncini-lego-bibCqfxr9nH3mXDCTcyfEO/pagina.html

Per vedere la video-intervista di Gioele Urso per torinotoday.it:

http://www.torinotoday.it/video/Luca-Chirieleison-Torino-Lego.html

Risultati immagini per fabio concato 1984

Non so se voi conoscete il programma radiofonico Italian Graffiati che va in onda il sabato su Radio Capital dalle ore 6.00 alle ore 7.00 del mattino ed è condotto da Silvia Mobili e Riccardo Quadrano. In quell’ora vengono proposti alcuni brani italiani del passato, famosi e alcuni sconosciuti a molti (me compreso) e selezionati dal fratello di Giorgio Prezioso, Andrea. Insomma, un ritorno al passato con tante storie e curiosità. Ascoltando questo programma sono venuto a conoscenza di Guido piano di Fabio Concato contenuto nell’album omonimo del 1984. A giudizio dei conduttori di Italian Graffiati questo è il disco migliore del cantante, che contiene brani famosi come Fiore di maggioSexy tango o Rosalina. La curiosità mi ha spinto all’ascolto dell’album sul portale Spotify e mi ha fatto scoprire anche Computerino, in cui Fabio Concato previde con largo anticipo il mondo odierno continuamente connesso alla Rete con i suoi vantaggi e svantaggi e soprattutto gli effetti collaterali sulla società. Ed era solo il 1984. Di seguito il testo.

 

Gioca, gioca bel bambino
che il tuo babbo ti ha comprato un computerino
e qui dentro quel che serve puoi trovare
schiaccia un tasto
se vuoi vedere il mare

Ai miei tempi
c’era scuola
libri, gomme e matite colorate
la cartella che pesava sulla schiena
le ricordo
le mamme disperate

Ma tu,
puoi non uscire
e il tuo maestro lo puoi vedere in uno schermo
lo puoi chiamare
ci puoi parlare
e se sei stanco con quel tasto lo puoi fermare

Ma che bello
che futuro
non avrete più bisogno di nessuno
e potrete fare a meno di pensare
ma ci pensi
che gioia non parlare

Ma tu,
puoi non uscire
e il tuo maestro
lo puoi vedere in uno schermo
lo puoi chiamare
ci puoi parlare
e se sei stanco con quel tasto lo puoi fermare

(Fabio Concato, ComputerinoFabio Concato, 1984)

Per info:

https://www.fabioconcato.it

https://www.capital.it/programmi/italian-graffiati

Dopo un po’ di assenza da queste pagine virtuali ritorno per raccontarvi di una breve gita, di un viaggio improvviso nelle terre della bassa padana approfittando di due giorni consecutivi di pausa dal lavoro e del bel tempo. Per non strafare abbiamo optato per Roncole Verdi e quindi Bussetto (in cui nacque, visse e crebbe musicalmente Giuseppe Verdi) per giungere, infine, a Brescello (famoso per essere stato il set cinematografico della serie di film dedicati a Don Camillo).

Scansione_0001.jpg

GIORNO 1: da Torino ci sono circa due ore e mezza di viaggio in auto prendendosela comoda. Alle ore 10.30 eravamo già a Roncole Verdi in cui abbiamo visitato la Casa natale di Giuseppe Verdi (monumento nazionale), che fu anche l’osteria gestita dal papà del musicista. La guida interattiva accompagna i visitatori nelle varie stanze arredate nello stile dell’epoca raccontando vari aneddoti sulla vita della famiglia Verdi e su come si viveva nel XIX secolo. Di fianco alla casa natale di Giuseppe Verdi c’è il museo dedicato a Giovannino Guareschi, che prima era il ristorante voluto dal giornalista-scrittore e gestito dai suoi figli. La Casa archivio di Guareschi è gestita dall’associazione culturale Club dei Ventitré che ha allestito lo spazio occupato dal ristorante con numerosi pannelli con documenti e cimeli del creatore di Don Camillo. All’interno è possibile acquistare vari libri di Guareschi tra cui Diario clandestino considerato il più bello dell’autore e, purtroppo, il meno conosciuto. Terminata anche questa visita ci siamo precipitati a Busseto per evitare la chiusura delle strade a causa della corsa ciclistica Milano-Busseto perdendoci così la possibilità di entrare nella Chiesa di San Michele Arcangelo in cui un giovanissimo Giuseppe Verdi suonò l’organo. Essendo, quindi, giunta l’ora di pranzo abbiamo scelto di mangiare nella Gastronomia di Busseto Sapori della bassa: ottimi salumi, ottimi formaggi, gestori gentilissimi, prezzi medio-alti (ma considerate che abbiamo assaporato il culatello che costa tra gli 80-90 euro al chilo). Dopo la sosta ristoratrice abbiamo aspettato l’apertura pomeridiana degli altri due luoghi da visitare: il Teatro Verdi e Casa Museo Barezzi. Il primo fu costruito in onore di Giuseppe Verdi quando ancora era in vita. Il musicista non ne rimase entusiasta e non si presentò neanche all’inaugurazione: avrebbe preferito che i soldi fossero spesi per aiutare i più bisognosi. Il graziosissimo teatro, seppur piccolo, è famoso per aver ospitato musicisti e direttori d’orchestra illustri e ancora oggi è utilizzato per gli spettacoli. Casa Museo Barezzi, invece, è la casa in cui il ricco signor Barezzi, appassionato all’inverosimile di musica, insegnò a Giuseppe Verdi a suonare. Fu talmente colpito dalla sua bravura che pagò di persona tutti gli studi privati. All’interno della casa museo si possono ammirare documenti, spartiti, locandine e articoli di giornali originali e anche il meraviglioso forte-piano suonato da Giuseppe Verdi: la tentazione di toccare i tasti era forte, ma ho desistito: d’altronde anche Riccardo Muti si rifiutò di suonare lo stesso strumento che suonò il Maestro. E chi sono io per poterlo fare? Queste visite fanno conoscere meglio la vita di Giuseppe Verdi, forse meno le sue opere, ma è stato comunque molto istruttivo. Ottime anche le spiegazioni delle guide. E’ possibile a pagare un biglietto cumulativo per la Casa Natale di Verdi, il Teatro Verdi e la Casa Barezzi: sconticino con la Tourist Card gratuita che dovrebbe servire anche in altri esercizi commerciali, ma poi non è così. Intanto è giunto il tempo di partire per recarci a Brescello in cui abbiamo prenotato il B&B che non nominerò perché non abbiamo avuto una buona esperienza: al nostro arrivo il gestore non si è presentato al check-in e non era rintracciabile al telefono. Per fortuna un simpatico ragazzo in bici intuendo la nostra preoccupazione si è fermato è ci ha consigliato un altro B&B: “Cercate da dormire? Mo vé che ci penso io a voi due!”. In quelle parole ho percepito qualcosa di non buono oltre all’alito di lambrusco del ciclista… Intanto la serata si svolge al positivo con una bella cena a base di tagliatelle al culatello e Lambrusco presso l’ottima Trattoria La Bottega molto frequentata dai turisti (italiani e non), dai brescellesi e, a giudicare dalle numerose fotografie, anche dal cantante emiliano Zucchero Fornaciari.

GIORNO 2: dopo una notte quasi insonne nel nuovo B&B consigliatoci, cioè nella nostra stanza posta sopra l’enorme sala di una risto-pizzeria in cui si è fatto karaoke e si è ballato sulle note del reaggeton fino alle ore piccole ed, in seguito, con la risistemazione delle tavolate per il giorno seguente (strisciando i tavoli e le sedie sul pavimento), ci siamo svegliati pronti per visitare Brescello. E per fortuna che si trattava di un B&B con colazione in camera: merendine da discount, ovetti al cioccolato sciolto e macchinetta da caffè con acqua ristagnante da chissà quanto tempo! Meglio brioche e cappuccino al bar Don Camillo nella piazza del paese. Al Punto Informazioni (è consigliabile arrivare di buon’ora per evitare la bolgia di turisti) si può acquistare con la modica cifra di 5 euro il biglietto cumulativo per la visitata guidata al paese soffermandosi nei punti in cui sono state girate le scene più famose dei film di Don Camillo, per il Museo Peppone e Don Camillo, per il Museo Guareschi e per il Museo Archeologico (gli ultimi due li abbiamo saltati). Insomma, tutto il paese fu per anni il set cinematografico di Don Camillo e tutti i paesani volenti o nolenti furono stati coinvolti. Dalla visita a Brescello si viene a conoscenza di molti aneddoti sui film, sugli attori, sull’autore di Don Camillo e su problemi tecnici, burocratici e soprattutto politici, ma che non sto qui a raccontarvi perché mi dovrei dilungare molto. Lascio a voi il piacere della scoperta. Intanto, il tempo a nostra disposizione volgeva al termine e quello meteorologico al brutto. Prima di riprendere il viaggio di ritorno abbiamo pranzato presso la gastronomia La Botte Golosa in cui abbiamo gustato ottimi tortelli di zucca e strozzapreti al culatello ovviamente sempre accompagnati da un buon bicchiere di lambrusco. Sperando di avervi messo un po’ di curiosità vi invito a fare visita in questi meravigliosi luoghi, B&B permettendo!

Per info:

https://visitbrescello.it/ oppure cliccare sui link nel testo sopra.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 193 follower

Archivi

Categorie

Il blog di Luca C. è stato visitato

  • 74,421 volte
Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: