Il Blog di Luca C.

Posts Tagged ‘2019

58114962_1223507114468838_8067802998442557440_o

Architorti e Accademia dei folli

E’ trascorso poco più di un mese dall’ultimo post. Un mese di assenza a causa di varie novità molto importanti, ma ricomincio da oggi parlando della nostra partecipazione alla Festa della liberazione del 25 aprile. Rispetto agli anni scorsi ho ritenuto che fosse importante essere in qualche modo presenti perché avverto che i tempi non sono buoni e certi movimenti pericolosi del passato stanno ritornando in auge. Così abbiamo deciso di partecipare alla Festa del 25 aprile assistendo al concerto degli Architorti insieme al gruppo teatrale Accademia dei folli, che si è tenuto presso il Sacrario del Martinetto a Torino. Per chi non lo sapesse suddetto luogo era un poligono di tiro in seguito trasformato in un’area per le fucilazioni durante la seconda guerra mondiale. Lo spettacolo si intitola Stop! Musiche resistenti e vuole essere un omaggio a tutte le Resistenze nel mondo,  anche quelle più attuali. Come dicevo, mi sembra che pericolosi spettri, alimentati da ignoranza e malcontento diffusi, stiano  ritornando da un passato che pensavamo di avere lasciato alle spalle, ma a quanto pare così non è. Anche se è vero che una parte di partigiani commisero atti criminosi ingiustificabili anche dopo la guerra e che in seguito i movimenti di sinistra si “impossessarono” della Festa della liberazione bisogna sempre ricordarsi che oggi siamo liberi da un governo dittatoriale. La libertà è un bene prezioso e dobbiamo ricordarlo tutti quanti al di là del partito che seguiamo e votiamo. Per chi fosse interessato gli Architorti e l’Accademia dei folli sono tutt’ora in tourné con il loro spettacolo Stop! Musiche resistenti. La musica e la cultura sono armi potentissime!

Per info:

https://www.facebook.com/Architorti-147589338635035/

https://www.facebook.com/AccademiaDeiFolli

MU Bao

Posted on: 6 marzo 2019

Se avete visto al cinema Gli Incredibili 2 avrete assistito sicuramente alla proiezione del bellissimo cortometraggio che precedeva il film, ovvero Bao, la storia di una mamma che fa fatica a “lasciar andare” il figlio oramai cresciuto. Tutta la storia gira intorno ad una pietanza tipica cinese, il bao appunto.

Foto tratta dal blog http://www.monsubarachin.it

Il bao è un raviolone, o se volete un panino bianco, morbido, caldo, cotto al vapore, che al suo interno contiene solitamente verdure e carne di maiale ed è molto invitante. Io non l’avevo mai assaggiato fino a qualche settimana fa, quando passeggiando per il centro di Torino ci siamo imbattuti in un nuovo locale, il MU Bao in via Accademia delle scienze 2/e aperto da gennaio 2019. Il MU Bao è un chioschetto in cui abili mani esperte cucinano il bao da asporto. Ce ne sono di tutti i tipi: vegani e non, salati e dolci, a partire da €3,50 in su e si possono trovare anche i classici ravioli cinesi, i jiaozi. Ci hanno offerto anche un bicchiere di the cinese caldo in attesa dei nostri bao, uno dolce con ripieno di crema pasticcera e uno salato “tipico” con verdure, funghi e carne di maiale macinata. Devo dire che sono molto buoni e sono un’ottima alternativa al solito cibo d’asporto, soprattutto nella stagione fredda. Mu Bao è una novità a Torino assolutamente da provare!

Per info: https://www.facebook.com/MUbaotori

Artisti Vari - Sanremo 2019

E’ da tanto tempo che non stilavo la mia classifica personale delle canzoni in gara al Festival di Sanremo. Eh sì, sono trascorsi ben cinque anni: l’ultimo post dedicato alla gara canora risale al 2014. Sarò molto veloce, in quanto avevo promesso di non fare più critiche negative. Bando alle ciance… I primi tre classificati (secondo me) sono:

Al terzo posto: Arisa con Mi sento bene per il suo messaggio positivo perché di questi tempi ci serve, per la sua splendida voce, per la musica orecchiabile e per il suo simpatico video “simil-disneyano”. Forse è tutto qui il mio vivere, quasi elementare e semplice. Ridere non è difficile se cogli il buono di ogni giorno ed ami sempre fino in fondo. Adesso voglio vivere così. Almeno proviamoci!

Al secondo posto: Achille Lauro con Roll Royce per il testo scomodo, per il ritmo rock ballabile che si discosta dalle altre canzoni in gara, ma che secondo la mia personale interpretazione, leggendo il testo tra le righe descrive anziché la vita da “star” la nostra attuale società superficiale, succube della moda e delle grandi firme, del potere, dei soldi e di falsi eroi eroi, che non ha nuove prospettive per il futuro rifugiandosi nel passato. Di noi che sarà? Dio, ti prego, salvaci da questi giorni! Ahimè, come dargli torto?

Al primo posto: Simone Tristicc… (ehm) Simone Cristicchi con Abbi cura di me per la profondità del testo, per la musica e per il suo futuro progetto ovvero un documentario sulla felicità. Ognuno combatte la propria battaglia. Tu arrenditi a tutto e non giudicare chi sbaglia, perdona chi ti ha ferito, abbraccialo adesso perché l’impresa più grande è perdonare sé stesso. Attraversa il tuo dolore e arrivaci fino in fondo anche se sarà pesante come sollevare il mondo e ti accorgerai che il tunnel è soltanto un ponte e ti basta solo un passo per andare oltre. Parole emozionanti.

A loro modo questi brani sono lo specchio di un malessere sociale: c’è chi lo affronta con positività suggerendo di trovare la felicità nelle cose piccole, chi proponendo un percorso alla scoperta di sé stessi, attraversando il proprio dolore per arrivare al vero “io” e chi esterna il disagio chiedendo un po’ d’aiuto.

Quali sono le tre canzoni di Sanremo 2019 che preferite e perché?

Infine vi lascio con la citazione che introduce il video di Roll Royce:

La moda riflette sempre i tempi in cui vive, anche se, quando i tempi sono banali, preferiamo dimenticarlo (Coco Chanel).

Immagine correlata

E’ inutile che guardate il video. Elastic-Girl non ha risolto la situazione. Non fa che rimandare la sconfitta e mentre rimanda la sconfitta voi mangiate patatine lasciando che sia lei a risolvere i problemi che per pigrizia non affrontate. I Supereroi sono parte del vostro sciocco desiderio di rimpiazzare la vita reale con la finzione. Voi non vi parlate, guardate i talkshow; voi non giocate, guardate i giochi televisivi. Viaggi, relazioni, rischi,  ogni esperienza di valore va impacchettata e consegnata al domicilio perché possiate guardarla da lontano in modo da essere per sempre protetti, per sempre passivi, per sempre famelici spettatori che non riescono nemmeno ad alzarsi dai loro divani, fare uno sforzo e vivere una vita vera. Volete che i supereroi vi proteggano: in questo modo diventate giorno dopo giorno più deboli convincendovi che qualcuno vi proteggerà, che i vostri interessi siano tutelati così come i vostri diritti, mentre il sistema si prende gioco di voi con il sorriso stampato in faccia. Fate pure… Mandate i Super a fermarmi, fate uno spuntino davanti allo schermo e guardate che succede. Voi avete perso il controllo e l’ho preso io.

(Discorso dell’Ipnotizzaschermi da Gli Incredibli 2, Disney-Pixar 2018)


l'amore compilation (front)
Ammetto che inizialmente non ero sicuro di creare una nuova compilation dance. Ascolto spesso la Deejay Parade di Albertino e Fargetta e, a mio parere, non mi sembra che in questo periodo stiano circolando brani degni di essere ricordati. Consultando, però, una delle ultime classifiche dello storico programma radiofonico e il sito Danceitalia.it ho trovato una decina di canzoni che le mie orecchie riescono a sopportare. Così, pian piano, ha preso forma il mio nuovo mix L’amore Compilation postato sul mio profilo Mixcloud a fine gennaio e che è quello riuscito meglio tecnicamente parlando. Vi ricordo che potete anche consultare la pagina My DJ Sets del mio blog. La copertina, sempre di mia creazione, si descrive da sola: innanzitutto si tratta della prima compilation del 2019, cinquantenario dello sbarco sulla Luna. Se ascoltate un po’ di musica dance avrete notato che le sonorità sono quelle degli anni ’70 (Praise You dei Purlple Disco Machine sembra (è?) il mash-up del brano di Fatboy Slim e Funkytown dei Lipps Inc., il (poco) remix di Le Freak degli Chic e Disco Night di Kungs X Throttle). Oserei dire che è un periodo poco innovativo per la musica dance (per questo ho scelto di usare lo sfondo nero); chissà cosa ci riserveranno i prossimi mesi: sembra che la tendenza sia un ritorno alla musica house. Infine, L’amore Compilation si apre con L’amore di Cosmo autore eporediese tutto da scoprire. D’altronde tra una settimana è San Valentino, festa degli innamorati (da qui l’idea di un cuore lanciato verso la “disco ball”). L’amore Compilation ovviamente non racchiude brani romantici, ma può essere un valido motivo per ballare e scatenarvi con il/la vostro/a compagno/a in attesa del momento più dolce… Buon Ascolto!

Risultati immagini per mixcloud Ascolta la mia compilation su Mixcloud

Risultati immagini per spotify Ascolta la mia playlist su Spotify


Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 94 follower

Archivi

Categorie

Il blog di Luca C. è stato visitato

  • 91.187 volte
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: