Il Blog di Luca C.

Posts Tagged ‘blog

The WordPress.com stats helper monkeys prepared a 2013 annual report for this blog.

Here’s an excerpt:

A New York City subway train holds 1,200 people. This blog was viewed about 6,200 times in 2013. If it were a NYC subway train, it would take about 5 trips to carry that many people.

Click here to see the complete report.

Ebbene sì, alla fine ho ceduto in preda allo sconforto, all’ansia, alle tante preoccupazioni che questo momento storico di crisi che stiamo attraversando e ci ha investito un po’ tutti ci costringe a subire. Cosa è giusto, cosa è sbagliato? Si può essere ancora liberi di esprimersi oppure no? Quanto influisce la libertà di pensiero e di espressione su chi potrebbe giudicarti e decidere della tua vita? Cosa potrebbe scatenare un post dal contenuto educato, ma non condiviso? Quanto la rete può essere dannosa? Insomma, tutte domande (e alcune coincidenze) che mi hanno fatto decidere a malincuore di essere un po’ più anonimo. Quindi reset, più nessun riferimento che potrebbe far risalire facilmente alla mia persona anche se gli amici sanno chi sono, anche se i veri informatici sanno come risalire all’origine di tutto. Da lì non si scappa, sarebbe ingenuo pensare che non sia possibile, ma un forte senso di pudore e una preoccupazione un po’ troppo esasperata mi hanno fatto prendere questa decisione da cui non si torna indietro; quindi, niente più “seguaci” (ne avevo ben dieci), statistiche azzerate (avevo raggiunto numerose visite giornaliere). Nell’ultimo periodo, prima di resettare tutto, alcuni miei post sono stati molto seguiti, commentati, discussi, condivisi, sono stati di consiglio a qualche persona e questo mi rende orgoglioso. Ma la voglia di scrivere per me stesso e ogni tanto per gli altri, la libertà di esprimermi mantenendo sempre un tono educato, scherzoso, ironico, a volte serio, ma spero mai offensivo, non mi ha fermato, quindi ricomincio, da zero certo, ricomincio da oggi 12 marzo 2013, ma ricomincio da Il Blog di Luca C.

I folletti delle statistiche di WordPress.com hanno preparato un rapporto annuale 2012 per questo blog.

Ecco un estratto:

4,329 films were submitted to the 2012 Cannes Film Festival. This blog had 16.000 views in 2012. If each view were a film, this blog would power 4 Film Festivals

Clicca qui per vedere il rapporto completo.

Come potete notare, da circa otto giorni ho deciso di apportare un significativo cambiamento alla grafica del mio blog. Innanzitutto, considero importante precisare che il blog non ha più per titolo L’amour toujours, ma semplicemente Il blog di Luca. Ho ritenuto, dopo molti tentativi falliti di dare un nome “internazionale” utilizzando l’inglese, di lasciare semplicemente quello che rappresenta il titolo, ovvero un blog, il mio blog. Comunque è stato divertente provare a mescolare le parole che formano il mio cognome, sfruttando l’inglese: Lord, Piety, Devotion, Sir, Luc. Ammetto che è tremendo tutto ciò! Quindi la semplicità è stata la soluzione migliore. Anche la grafica è stata totalmente stravolta, sia nell’immagine, sia nei colori. Ho cercato di dare un significato a questo, seppur piccolo, notevole cambiamento: come scrissi qualche anno fa L’amour toujours è il titolo di un brano di Gigi D’Agostino, datato 1998, anno in cui ho vissuto momenti importanti personali che, lentamente, in seguito mi hanno modificato, oserei dire in meglio. Avevo 22 anni, l’età giusta per divertirsi con gli amici, senza farsi tante preoccupazioni. Ecco perché il mio primo blog ha avuto questo titolo: volevo che si trattasse di un blog possibilmente divertente e spensierato, forse dai contenuti un po’ troppo adolescenziali. Inoltre, la paura e la soggezione di firmarmi mi hanno fatto optare per un titolo che non facesse intuire a chi (non) mi conosce chi sono. Per chi non l’avesse capito, lo sfondo applicato sul blog era la copertina, appositamente modificata con l’aggiunta del mio viso molto sfumato, del famoso singolo remixato dallo stesso GGDAG tre anni dopo la hit che lo portò al successo. Devo dire che ero stanco di tutto ciò e così ho avuto voglia di aggiornarmi: un piccolo cambiamento era già avvenuto con il passaggio da Windows Space Live verso WordPress, inserendo il mio nome e cognome nell’indirizzo web, perché tuttavia cerco sempre di non scrivere nulla di contropromettente e volgare di cui non dovrei avere nulla da temere o da vergognarmi. Adesso ho voluto apportare un’ulteriore modifica alla grafica: anche questa volta ho utilizzato una copertina di un disco, quella di Jovanotti, in cui per la seconda volta si firmava con il suo vero nome: Lorenzo. Era il 1994, anno in cui il rapper italiano diede una svolta ai contenuti dei testi, più maturi, più impegnati, ma senza tuttavia rinuciare al divertimento. Quindi mi sono ritratto nella stessa posa in cui Jovanotti fu fotografato per Lorenzo 1994 e ho inserito il mio viso, modificato con l’opzione carboncino, con la scritta Luca 2012. Per dare un po’ di colore ho utilizzato un azzurro molto riposante che sfuma al beige chiaro, perché lasciare tutti in bianco e nero non mi piaceva. Forse l’unico neo nella grafica è la mancanza di colori accesi e caldi, ma non è detto che in futuro apporterò ulteriori modifiche. Per saperlo continuate a seguirmi.

Questo slideshow richiede JavaScript.

The WordPress.com stats helper monkeys prepared a 2011 annual report for this blog.

Here’s an excerpt:

A New York City subway train holds 1,200 people. This blog was viewed about 3.800 times in 2011. If it were a NYC subway train, it would take about 3 trips to carry that many people.

Click here to see the complete report.


Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 151 follower

Archivi

Categorie

Il blog di Luca C. è stato visitato

  • 62,670 volte
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: