Il Blog di Luca C.

Posts Tagged ‘dj

Immagine correlata

Il film:

In occasione dell’evento SoundFrames Days al Museo del Cinema di Torino anche il Cinema Massimo ha collaborato con alcune proiezioni in cui la musica fa da padrona. Sabato 19 maggio, infatti, sono stati inseriti in cartellone tre film-documentario tra cui quello al quale abbiamo assistito, cioè Italo Disco Legacy di Pietro Anton, presente in sala. Il regista ha voluto raccogliere le numerose testimonianze di chi visse in prima persona l’inizio degli anni ’80  lavorando a progetti musicali dance che prendevano ispirazione dalla disco music del decennio appena terminato e sfruttando i nuovissimi strumenti elettronici. I produttori italiani esaltati dalle potenzialità della musica elettronica presero il sopravvento inconsapevoli di quanto quelle melodie sempliciotte e quei ritmi influenzarono in tutto il mondo la musica dance a venire come la Chicago-house, la techno o più semplicemente i tormentoni pop da cine-panettone. La italo disco circolava grazie al passaparola e ai viaggi in Italia dei DJ stranieri per acquistare prima di tutti le nuove uscite e si diffuse principalmente nell’Europa settentrionale e orientale per poi approdare in altri continenti. Il genere musicale non prese piede in Inghilterra a causa, a quanto pare, della cattiva pronuncia inglese. Per questo motivo molti brani del repertorio italo disco sono strumentali e rimasero underground, complice anche la mancanza di marketing, non godendo del successo sperato fino ai giorni nostri quando la potenzialità di Internet e il “movimento vintage” di questi ultimi anni hanno fatto riscoprire il genere. Oggi i giovani del nord Europa cercano discoteche in cui si organizzano feste con questo tipo di musica perché, dicono, rispetto alla dance odierna ha una marcia in più: fa divertire. E anche noi abbiamo avuto la possibilità di ballarla in una sala cinematografica (il Massimo 3) grazie ai vinili sapientemente mixati dall’esperto DJ Gianluca Pandullo.

Il disco:

Risultati immagini per italo disco legacy vinyl

Ovviamente il dvd del documentario è correlato dalla colonna sonora disponibile sia in digitale che in vinile (anche colorato), ma entrambi sono esauriti e difficili da recuperare se non a prezzi esorbitanti (si parte dai 69 euro su sito discogs.com). Purtroppo non tutti i brani che accompagnano il film sono presenti: immagino che abbiano deciso di inserire le tracce prevalentemente strumentali e che sono rimaste più “underground” tralasciando quelle già famose e come per esempio Passion di The Flirts o Crazy Family di Jack Hattle, tanto per citare qualche titolo. Molti dei brani della colonna sonora sono stati suonati anche durante il DJ set di Gianluca Pandullo che, inoltre, ha dato al pubblico la possibilità di acquistare due compilation di italo disco: I-Robots (italo electro disco underground classics) I-Robots (Turin dancefloor Express) con tracce selezionate dal DJ stesso. Del secondo disco (con tracce italo disco create da produttori piemontesi tra gli anni ’70 e ’80) spicca la versione demo del 1981 (dall’atmosfera molto cupa) di Vamos a la playa dei Righeira.

Risultati immagini per irobots underground

Il libro:

WP_20180519_001

Più unico che raro questo libro del 1981, acquistato ad un mercatino dell’usato dal regista Pietro Anton, è stato lasciato accanto alla consolle di DJ Pandullo per dare la possibilità al pubblico di consultarlo. Dalle poche pagine che ho visto ho potuto constatare che si tratta di un vero sussidio tecnico per tutti coloro che volevano seriamente avvicinarsi al mondo del disc-jockey: da come funzionano i giradischi ai consigli per acquistarne uno (anzi due), alle tecniche di mixaggio e scratching sino ai principi di elettrotecnica ed elettronica per poter assemblare una consolle o costruire in autonomia le casse! Ho fotografato la seconda pagina di copertina per conservare i riferimenti importanti su Il libro del disc-jockey da condividere con tutti voi.

WP_20180519_002

Per info:

https://it-it.facebook.com/ItaloDiscoLegacy/

https://it-it.facebook.com/pandullo

http://www.antiqbook.nl/boox/clio/658.shtml

 

 

 

Annunci

Remixland 2K17 - front

Avendo molto tempo, ahimè, a disposizione mi diletto a fare qualcosa di creativo (perché ne ho bisogno e lo consiglio pure a voi come metodo anti stress). Tra i miei molteplici hobbies c’è spazio anche per la musica dance. Mi diverto a cercare e ascoltare gli ultimi successi sul sito https://www.danceitalia.it/classifica-dance/ per poi selezionarli e inserirli nelle mie compilation mixate con il mio, ormai, fedele mixerino Hercules. Vi voglio raccontare come svolgo questo simpatico passatempo: una volta selezionate le tracce che mi piacciono di più le aggiungo nella lista dei brani da mixare con il software DJuced 18. Di solito ho l’abitudine di metterle in ordine di BPM (battiti per minuti) dal più basso al più alto. A quel punto basta avviare le prime due canzoni e cercare di capire che cosa hanno in comune per effettuare al meglio il mixaggio. Quando ho deciso a che punto staccare il primo brano per inserire il secondo, il tipo di effetto e la durata della miscelazione, se sono soddisfatto, mi scrivo tutto su un foglio in modo da ripetere gli stessi mixaggi in fase di registrazione. Alcune volte, anche se mi sono segnato tutto, mi capita di sbagliare. Allora i casi sono due: registrare tutto da capo oppure continuare da dove ho sbagliato ed effettuare in seguito un montaggio audio (cosa non sempre semplice). Quando nessuno mi mette fretta, non ho impegni di nessun tipo, non suonano al citofono, non squilla il telefono, non ho urgenze fisiologiche, eccetera eccetera, spesso riesco a creare la compilation in un colpo solo. La tempistica, normalmente, è di circa due o tre giorni compresa l’ideazione della copertina che nasce dalle sensazioni che mi creano i brani che ascolto. In quest’ultima esperienza ho scelto di inserire molti remix. Subito il pensiero è andato ai mixer da cucina, da lì ai frullati di frutta e verdura che solitamente sono rinvigorenti ed energizzanti. L’ultima copertina è nata così, con una semplice ricerca di immagini su Google e un facile fotomontaggio. Il titolo forse non è proprio originale (Remixland era una compilation pubblicata agli inizi del 1994 – di seguito la copertina ),  ma rende molto bene l’idea così come l’immagine.

Remixland 2K17 è nata così e potete ascoltarla (rispettando i diritti d’autore) andando subito nella sezione My DJ Set di questo blog.

Per info:

Risultati immagini per mixcloud Ascolta le mie compilation

Risultati immagini per spotify Ascolta le mie playlist (tracce non mixate)

 

Remixland Compilation 1994

 

Finalmente tutte le mie compilation dance sono disponibili* per tutti su

mixcloud.com

Ascoltatemi (cliccate sulle copertine qui sotto) e seguitemi in attesa della compilation autunnale.

ScansioneFolderSummer 2016 Compilation - FolderSummer 2016 Compilation Part - FolderfrontScansioneSpring 2017 Compilation - FrontFrontFrontLuca DJ CD

*Nel rispetto dei diritti d’autore

Ulteriori info su:

Risultati immagini per mixcloud logoascolta le compilation (brani mixati)
Risultati immagini per spotifyascolta le playlist (brani non mixati)
Risultati immagini per virtual dj consulta i  DJ set
Risultati immagini per WORDPRESS LOGOtieniti sempre aggiornato sui miei DJ set

Approfitto di queste pagine virtuali per un piccolo spazio pubblicitario:

Finalmente le mie compilation dance sono disponibili* per tutti su

https://mixcloud.com

Titoli attualmente disponibili:

Summer Dance 2017 Front

Rock’n’Run Front

Hear Me Now Compilation Scansione

Spring 2017 Compilation Spring 2017 Compilation - Front

BUON ASCOLTO!

Nel rispetto dei diritti d’autore.

Ulteriori info su:

Risultati immagini per mixcloud logoascolta le compilation (brani mixati)
Risultati immagini per spotifyascolta le playlist (brani non mixati)
Risultati immagini per virtual dj consulta i  DJ set
Risultati immagini per WORDPRESS LOGOtieniti sempre aggiornato sui miei DJ set

Per non creare dei post troppo lunghi ho fatto che crearne due. Ed ecco di seguito le altre valutazioni. Purtroppo come anticipato non tutti i nostri fornitori hanno avuto voti positivi e di questi vi racconterò, ma non farò nomi. Per esempio abbiamo avuto problemi con le partecipazioni.

PARTECIPAZIONI (4,5)

Adesso non so di chi sia la colpa, ma se io pago un servizio e chiedo che sia eseguito entro una certa data seppur troppo in anticipo con il matrimonio voglio che sia fatto. Perché per fermare i lavori tutti vogliono un acconto, ma in cambio io pretendo che si rispettino i tempi. In pratica abbiamo scelto per le partecipazioni una tipografia di Fabriano che fa lavorare dei ragazzi disabili. E’ possibile richiedere on line gli ordini, ma abbiamo preferito appoggiarci a un negozio specializzato in liste nozze e che principalmente vende molti prodotti per la casa. Abbiamo fatto questa scelta per avere un referente che fosse a Torino, possibilmente vicino a casa nostra e lo abbiamo trovato anch’esso tramite una delle due fiere dedicate agli sposi. Il negozio si trova nella zona di corso Rosselli e largo Orbassano a Torino. Abbiamo ordinato le nostre partecipazioni il 6 febbraio per poi scoprire, dopo alcune telefonate in cui il nostro referente risultava assente ed i suoi collaboratori non ne sapevano nulla del lavoro richiesto e peggio ancora che l’ordine non era ancora stato inviato. Peccato che era già il 6 marzo e che l’abbiamo saputo contattando direttamente la tipografia. Se tutto fosse andato per il verso giusto avremmo avuto le partecipazioni entro fine febbraio. Arrabbiato mi sono recato in negozio in cui il nostro referente ci confermava che l’ordine invece l’aveva inviato e che la tipografia non aveva svolto il lavoro nei tempi previsti. Tornato a casa ancora più arrabbiato ricontatto la tipografia che mi dice il contrario. Quindi telefono in negozio minacciando che se l’ordine non fosse stato inviato entro il 9 marzo avrei disdetto tutto. Tempo dieci minuti ricevo la telefonata dalla tipografia e l’e-mail dal negozio per la conferma dell’avvenuta ricezione dell’ordine. Peccato che le partecipazioni siano arrivate, così, a fine marzo. Più di un mese di ritardo e nemmeno un sconto ulteriore, anzi le buste delle partecipazioni dovevano essere bianche ed invece erano trasparenti. Complimenti per il lavoro!

Partecipazioni

FOTOGRAFO (10)

Anche per il fotografo siamo andati molto a istinto. Partendo da uno vicino a casa nostra, seppur simpatico, abbiamo preferito quello che abbiamo incontrato durante una delle due fiere sposi a Torino. Forse per la simpatia, forse per il loro “savoir faire” e lo sconto fiera applicato nonostante fossimo fuori tempo massimo ci hanno catturato e così abbiamo ingaggiato padre e figlia per il nostro matrimonio. Non ne capisco di foto, ma penso che sia un lavoro difficile far sorridere persone che, seppur felici del matrimonio, hanno la tensione stampata in faccia. E poi la luce del sole che dopo la cerimonia cambiava repentinamente hanno creato non poche difficoltà ai fotografi. Ma ce l’abbiamo fatta lo stesso. Nel momento in cui scrivo l’album è ancora in lavorazione, quindi non sono in grado di fare valutazioni anche se le premesse di un ottimo lavoro ci sono. Il lavoro fotografico comprende l’album per gli sposi, due piccoli album per i genitori, il dvd con tutte le foto scattate e tutti i provini stampati. Alla fine abbiamo speso un po’ più di quello che era stato preventivato perché su consiglio del fotografo sono state aggiunte una decina di foto in più. Alla fine addio sconto… Inoltre il fotografo è quello ufficiale del Politecnico di Torino, quindi le garanzie della qualità ci sono. P.S. Abbiamo ritirato l’album ed è perfetto!

Per info: Studio Sibona – Via Bidone 14 b, Torino – http://www.studiosibona.com

LISTA NOZZE (5)

Per comodità abbiamo scelto una grande agenzia di viaggi specializzata in viaggi di nozze in zona piazza Adriano. Ovviamente per ragioni di tempo e per ottenere i vantaggi economici offerti abbiamo dovuto prenotare uno dei viaggi consigliati già a dicembre 2012. Le impiegate sono professionali e la nostra referente ci ha spiegato molto chiaramente tutti i dettagli del nostro viaggio di nozze. I primi invitati a versare le loro quote si sono presentati mesi dopo, ma in tempo prima della chiusura della lista. Anche se abbiamo dovuto saldare la quota restante i soldi versati dopo il saldo sono stati restituiti sul nostro conto corrente. Purtroppo devo constatare che siccome l’agenzia a partire dalla primavera è stata presa d’assalto non abbiamo potuto godere in pieno delle attenzioni che ci aspettavamo: qualche ritardo nelle risposte, e-mail non inviateci e la nostra referente purtroppo è stata assente per un mese intero per problemi personali. Nella lista nozze doveva essere compreso un mini puzzle se non erro di 35 pezzi, ma che non abbiamo ricevuto. Pazienza, nulla di grave. Forse quello che ritengo un po’ più grave e di cui sono venuto a conoscenza ora è che a sentire amici e parenti che hanno versato le loro quote, non tutti i nomi sono stati scritti e, soprattutto, un mio caro amico mi ha fatto notare che aveva lasciato un biglietto di auguri che l’impiegata ha inserito in una cartellina con dentro altri biglietti destinati a noi, ma che alla fine abbiamo ricevuto solo due settimane fa solo dopo che sono andato ad informarmi. Inoltre, fatto ancora ben più grave e di cui cono venuto a conoscenza ora, alcune persone sono state invitate a versare nella lista solo soldi contanti e non hanno avuto ricevuta fiscale. Ad altre sono stati richiesti tre euro di commissione in caso di pagamento con con carte e/o bancomat. Chi mi garantisce che tutti i soldi sono stati utilizzati per la lista? Purtroppo non posso dimostrare nulla, ma queste notizie non mi hanno permesso di dare una piena sufficienza all’agenzia di viaggio. Almeno sono state rispettate tutte le scadenze e quello che era stato promesso dal viaggio organizzato è stato mantenuto.

ANIMAZIONE (9)

Come animazione durante e dopo il rinfresco abbiamo scelto un dj perché non ci piaceva l’idea né di avere il tastierista che canta, né di avere un’animazione eccessiva in quanto sappiamo che non avrebbe avuto successo con molti nostri invitati (tra qualche riga scoprirete perché). Quindi abbiamo optato per una situazione sì informale, ma non invasiva. Il dj è quello che faceva per noi. Nello (il nome del dj, nonché nostro ex collega) sa il fatto suo in materia di musica, mixer e file digitali e ha fatto un buon mixaggio tra la parte parlata e la musica per l’ingresso degli sposi al ristorante:  Back to the future di Alan Silvestri (in tema con i segnaposto “cinematografici”). Ci ha guidato alla selezione dei brani (molti dei quali scelti da noi) che hanno fatto da colonna sonora del rinfresco e ha voluto giustamente avere carta libera perché durante l’aperitivo e il pranzo ha fatto attenzione agli atteggiamenti degli invitati in modo da utilizzare le musiche giuste e accontentare e divertire tutti. Ma l’imprevisto era dietro l’angolo: appena dopo aver mangiato la torta tutti i parenti invitati si sono alzati (nemmeno hanno aspettato il caffè al tavolo) e se ne sono andati via proprio all’inizio delle danze. Nello, come noi, è rimasto perplesso, ma ha continuato imperterrito il suo lavoro. D’altronde non è stata mica colpa sua. Purtroppo una serie di inconvenienti non ha permesso un passaggio fluido dal pranzo alle danze: la sala era un po’ piccola e così abbiamo dovuto spostare alcuni tavoli per poter ballare. Alla fine sono rimasti gli amici del “sabato sera” a farci compagnia fino al tardo pomeriggio. Nello ci ha fatto divertire con molti brani recenti e non, pop, rock, ever green e dance; insomma ce n’era per tutti i gusti, come promesso. Inoltre, grazie alla moglie di Nello (che è una wedding planner) ci sono stati forniti degli ottimi consigli sull’organizzazione del nostro matrimonio. Abbiamo riscontrato purtroppo che la conformazione della sala e la posizione degli altoparlanti non hanno permesso una diffusione ottimale della musica. Ecco la prima lista dei brani (in seguito alcuni sono stati sostituiti). Grazie per il tuo lavoro, Nello!

tracklist

MUNICIPIO DI PECETTO TORINESE (8)

Per quanto riguarda le questioni burocratiche tutto è andato liscio. L’impiegata dell’ufficio stato civile che ha seguito il nostro caso è sempre stata disponibile fin dall’inizio sino al giorno del matrimonio che si è tenuto nella sala consiliare dal sindaco. Purtroppo il comune non dispone di impianto di diffusione sonora e amplificazione audio. Così per utilizzare la musica abbiamo utilizzato un PC portatile e gli mp3 forniti da dj Nello. Inoltre la voce del sindaco (anch’egli molto gentile) era molto bassa e si sentiva poco. Sicuramente era emozionato anche il sindaco tanto da sbagliare a leggere la data del matrimonio, ma lo posso capire, emozionati come eravamo noi… Queste sono le papere che uno si ricorderà sempre e che faranno sempre sorridere!

Per info: http://www.comune.pecetto.to.it/

Sala comunale

TUTTI GLI ALTRI FORNITORI (s.v.)

Dovrei aver considerato tutti i fornitori o quasi, ma il ringraziamento va a tutti perché ci hanno permesso di realizzare una meravigliosa giornata. Un aiuto ulteriore ci è giunto dal sito http://www.matrimonio.com/ grazie al quale è possibile ordinare le idee. Un ringraziamento ulteriore va alle cartolerie e alle copisterie che ci hanno fornito i materiali ed i consigli giusti per ottenere artigianalmente dei buoni segna-tavolo e il tableau marriage.

Tableau marriage


Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 188 follower

Archivi

Categorie

Il blog di Luca C. è stato visitato

  • 73,496 volte
Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: