Il Blog di Luca C.

Posts Tagged ‘Festival

Come molti torinesi sapranno, dall’11 marzo al 20 marzo si sono tenuti ben tre festival presso il polo espositivo di Lingotto fiere: il festival dell’oriente, il festival irlandese e quello della salute e del benessere. Alla faccia della salute e del benessere! Non vorrei dire, ma… Con l’occasione del compleanno di una nostra amica, amante dell’Irlanda e della sua cultura, quale migliore occasione per festeggiare insieme al festival irlandese? Essendo anche un sabato l’idea è stata quella di presentarsi alle biglietterie alle 19.30: un po’ di coda c’era da aspettarselo. Ma la sorpresa è arrivata all’ingresso della fiera: tutto molto dispersivo, ma trovando una piantina siamo riusciti a trovare il nostro fantastico festival irlandese. L’intero salone espositivo oltre che super affollato, super caldo, super rumoroso era anche buio. Beh, non proprio buio, ma molto poco illuminato da luci verdi, il colore dell’Irlanda, appunto. Un po’ di bianco non avrebbe fatto male. All’ingresso era stato posizionato il palco più grande sul quale si esibivano gruppi pseudo irlandesi (qualcuno mi spieghi che c’entra Wish You were here con la musica celtica). Essendo il salone molto ampio e non adatto ai concerti pensate al rimbombo che vi era all’interno. Tutto attorno, invece, erano sistemati i punti di ristoro, di abbeveraggio e le casse, poche rispetto alla quantità eccessiva di persone. In mezzo al salone solo tavoli e panche di legno e al fondo un piccolo palco e l’area espositiva con un sacco di cianfrusaglie (niente di tipicamente irlandese) e la ricostruzione di un accampamento celtico (questo sì carino) con i “celti” buttati a terra dormienti e logorati da tutto quel chiasso. Io non critico il festival in sé che sarebbe potuto essere molto interessante, ma la sua organizzazione e gestione. Per snellire le code all’interno avrebbero potuto organizzare un self-service come nelle mense: tu prendi il tuo vassoio, il cibo e le bevande che preferisci e vai in cassa. Semplice, no? Invece abbiamo dovuto fare due ore e mezza di coda (e dico due!) per la cassa che, da come ho capito, accettava solo i contanti per poi recarci ai chioschi che davano il cibo e ai chioschi che davano da bere (ovviamente con lunghi tempi di attesa e ovviamente i chioschi uno dalla parte opposta all’altro. Per non parlare dei prezzi del menù: si partiva da 1,00 euro del vassoio (!); 1,00 euro anche per il pane (la “pagnotta” più piccola era alle noci e del diametro di quattro centimetri). Pian piano si saliva di prezzo fino ai 10,00 euro per lo stinco di maiale. A parte la Guinnes e lo stufato alla Guiness tutto il resto del menù non era espressamente irlandese. Ovviamente lo stufato era terminato, quindi abbiamo ripiegato sullo stinco, che tra una coda e l’altra è diventato tiepido. Per farla breve, siamo arrivati alle 19.30, siamo entrati alle 20.15, abbiamo mangiato alle 22.45 e alle 23.30 abbiamo iniziato a girovagare stanchi e annoiati nella zona espositiva. E io che mi aspettavo i balli irlandesi: dal palco grande rimbombavano le chitarre, su quello piccolo celebravano un finto matrimonio celtico (?), ma sorpresa delle sorprese ecco che dalla sala conferenze usciva musica irlandese, quella vera però e guarda chi c’è, il Gruppo Reeldancer, questo sì, che proponeva qualcosa di tipico: le danze guidate dal mitico ed instancabile Oscar, rinchiuso in questa piccola sala (perché, per quanto ho intuito, per motivi di sicurezza non potevano fornirgli il palco). Proprio a lui, che riesce a far ballare centinaia di persone insieme! Così abbiamo ballato, sudato e finalmente ci siamo divertiti e festeggiato il compleanno in maniera celtica, ma che fatica! E quanti soldini: 10 euro l’ingresso (12 per vedere tutte le fiere presenti, però poi vorrei che ci spiegassero come si fa), 10 euro lo stinco, 5 euro la zuppa di verdure, 3 euro una Guinnes piccola: con 28 euro avremmo potuto cenare seduti e tranquilli in un ottimo ristorante! Per fortuna che, almeno, avevamo con noi due bottigliette d’acqua per dissetarci e mandare giù questo boccone amaro.

Per info:

http://festivalirlandese.it

http://festivaldelloriente.net

http://www.reeldancers.it (questo sì, che vale la pena visitarlo)

Annunci

Approfitto ora che sono in mutua a riprendere il mio piccolo spazio sul blog. Ho saltato alcune settimane, mi sono preso delle pause necessarie in quanto non avevo spunti e riflessioni da condividere ed esternare. Voglio che il mio spazio virtuale sia un piccolo mondo gioioso, nello stesso tempo serio e non frivolo e non lo voglio sprecare per vomitare tutte le mie negatività. Utilizzo questo spazio soprattutto per scrivere diari di viaggio, impressioni, discussioni più o meno importanti, consigli e fare conoscere a tutti voi eventi e situazioni che ho vissuto personalmente nella mia città, provincia, regione e anche più in là. Questa volta vi racconterò di un festival che si tiene in autunno a Moncalieri ovvero Moncalieri Jazz. E’ la prima volta che assisto ad uno spettacolo di questo evento. Normalmente tutto inizia con una notte bianca nel centro della città con musica, ovviamente jazz, arte e sapori. Quest’anno le notti bianche sono state ben due perché due sono stati gli eventi da festeggiare e due è il numero che si ripete: il bicentenario della fondazione dell’arma dei Carabinieri e il bicentenario della nascita di Adolphe Sax. Bene, nella mia ignoranza ho imparato che il sassofono è stato inventato da questo signore e ce ne sono di tutti i tipi, piccoli, grandi ed enormi: il più grande al mondo entrato nel guiness dei primati (funzionante davvero) era in mostra al castello di Moncalieri, ma non ho avuto la possibilità di ammirarlo. E’ inutile dire che per tutto il festival il sassofono è stato il protagonista. Comunque, dopo la festicciola casalinga di Halloween, direi ben riuscita, il primo novembre avendo libero un giorno di festa (grazieaddioognitantocapitapureame) siamo andati ad assistere al concerto della Fanfara del 3° battaglione Carabinieri Lombardia diretta dal maresciallo Andrea Bagnolo. Lo scrivo con fierezza che abbiamo assistito ad un evento più unico che raro! Voi direte che cosa sarà mai una fanfara dei Carabinieri? E io vi risponderò che per la prima volta nella storia di tutta l’arma dei Carabinieri è stato suonato il jazz. Spero solo che la musica sia stata registrata e venga messo in vendita su un supporto fisico in modo che non si perdi questa unicità. Non ci capisco nulla di musica jazz, ma posso dirvi che tutti i brani selezionati e suonati nella Piazza d’armi del Castello di Moncalieri erano orecchiabili e famosissimi, alla portata di tutti. Tra gli ospiti invitati dai Carabinieri c’erano musicisti che in passato erano nell’arma. Molti per me sono sconosciuti e solo adesso leggendo i nomi scopro che sono stati collaboratori di importanti artisti ed istituzioni: Claudio Chiara con Paolo Conte, Flavio Boltro con Michel Petrucciani, Gianfranco Marchesi per l’Orchestra Sinfonica della RAI, per citarne alcuni. E’ bello vedere come la musica sia di tutti e non sia chiusa in scompartimenti stagni. E’ così che deve essere. Il programma del jazz festival è terminato tre giorni fa, il 15 novembre. Alcuni concerti si sono tenuti nel Teatro Civico Matteotti, molti altri nelle Fonderie Limone, altri ancora all’aperto e gratuiti. Mi chiedo solo se sia possibile anticipare il Moncalieri Jazz Festival in un periodo dell’anno meno freddo, magari a fine settembre quando il clima ancora mite permetta di assistere agli spettacoli all’aperto in modo che gli spettatori non se ne vadano infreddoliti durante il concerto come abbiamo fatto noi. Soprattutto quando si organizzano eventi irripetibili ed unici come questo del quale siamo stati testimoni e che è stato a mio dire importante. E nella speranza che il cd sia prodotto e messo in vendita gustatevi il video di tutto il concerto (o quasi) trovato su Youtube postato da Alamari Musicali augurandomi che non lo cestini.

Per vedere il concerto su Youtube cliccate sul link sottostante:

Moncalieri Jazz Festival 2014 – Fanfara III Battaglione Carabinieri “Lombardia”

Per info:

http://www.moncalierijazz.com/

…ma artisticamente, musicalmente e culturalmente siamo in pieno inverno. Dopo questo ennesimo Festival di Sanremo che entrerà nel dimenticatoio ecco la mia personalissima recensione delle canzoni in gara. Non ho resistito a scaricare il disco, ascoltarlo velocemente e subito dopo a cancellarlo dall’hard disc causa attacchi di noia se non di depressione. E non ho nemmeno visto una serata in tv. C’è qualcosa che non va in Italia o sono io poco predisposto ad apprezzare tutto ciò? Canzonette noiose e film poco interessanti; che succede? Siamo a corto di idee, di ideali, di soldi, siamo depressi, svogliati, annoiati, stanchi, tristi e sfiduciati (?). Intanto aspetto con ansia quello che avrà da dirci il signor Caparezza che sta preparando il suo nuovo disco.

1. Così lontano di Giuliano Palma & Band ricorda un pochettino 50.000 di Nina Zilli; tanto il genere musicale è quello e 50.000 è stata arrangiata da Giuliano Palma. Avanti…

2. Bagnati dal sole eee, iii, aaa, ooo… di Noooeeemiii. Avanti…

3. Vivendo adesso di Renga che ci mette la passione quando canta e ha una bella voce, però sempre la stessa lagna… Avanti…

4. Controvento di Arisa è un plagio, poi bisogna vedere se le note sono identiche per otto battute consecutive, ma la somiglianza con l’introduzione del brano Entra nel cuore di Micol Barsanti è notevole. Però la voce di Arisa è stupenda e la canzone è riconoscibile e facilmente memorizzabile.

5. Ti porto a cena con me di Giusy Ferreri. Un consiglio: perché non provi a fare del sano e buon punk rock evitando le rime cuore amore? Secondo me avresti più successo (vedi Mikimix alias Caparezza). Avanti…

6. Nel tu… (neanche continuo). Avanti…

7. Ora (dopo). Avanti…

8. Avanti… 9. Avanti… 10. Avanti… 11. Caparezza aspetto il tuo rap. Avanti… 12. Avanti… 13. Avanti… 14.Un po’ di attenzione perché miei concittadini, ma poi avanti… Oddìo c’è ancora il secondo cd… 1. Avanti… 2. Avanti… 3. Avanti… 4. Avanti… 5. Molto in stile anni ’60. Avanti… 6. Avanti… 7. Avanti… Avanti fino a Stromae Formidable… Avanti…

Quest’anno non ce l’ho fatta ad ascoltare tutto il disco. Tremendo… Sarà per questo che il tema conduttore del Festival di Sanremo era la bellezza, per distogliere l’attenzione dalle canzoni? E per quanto riguarda il presunto plagio di Arisa giudicate voi.

Sanremo 2013 - front

Dopo una settimana ho ascoltato i brani proposti al festival di Sanremo 2013. Posso vantare di non assistere all’evento televisivo da ben tre anni e che vengo a sapere le notizie relative tramite i telegiornali, i quotidiani e i social network. Come sempre le canzoni in gara vengono per ultime dopo le solite critiche su vestiti, invitati, brogli, pubblicità e stipendi. A proposito di stipendi, la Littizzetto ha confessato nella trasmissione La bomba su Radio Deejay che la somma di denaro a lei pagata non corrisponde al vero e che è tutta un’invenzione dei giornali, anzi la RAI ha preteso per la pubblicità durante la messa in onda del festival di Sanremo ben 15.000 (quindicimila) euro al secondo! Io stimo la Luciana e il Fabio per la loro bravura e la loro simpatia, ma comunque ritengo che abbiano preso una ricca busta paga alla faccia di tutti i commenti che si fanno (e hanno fatto) sui guadagni dei calciatori e dei politici, anche se smentiscono e sminuiscono. Facciano come vogliono, io di solito non guardo nelle tasche degli altri, ma sfido chiunque a non accettare cifre simili. Quello che mi ha stupito sono i 15.000 euro al secondo: se una pubblicità dura circa 30 secondi, sono stati spesi ben 450.000 euro da moltiplicare per tutti i passaggi e per tutti i giorni del festival. Se ogni passaggio pubblicitario dura circa 5 minuti, ovvero 300 secondi, la RAI ha incassato 135.000.000 euro. Quanti passaggi pubblicitari ci sono stati durante la messa in onda del festival? Non riesco ad immaginare il totale! E poi dobbiamo pagare il canone RAI per assistere il più delle volte a programmi di qualità scadente e alle repliche di telefilm di vent’anni fa e oltre e adesso al Carosello serale di cinquant’anni fa? Vergogna! Parliamo delle canzoni in gara, che è meglio… Da come ho capito i big hanno portato due brani di cui uno veniva scartato. Quindi, suppongo che nel doppio cd siano state incise solo quelle che hanno passato il primo turno… Andiamo bene! Ma poi nel doppio cd sono presenti tutte le canzoni di tutti gli artisti in gara? Non l’ho capito. Per una volta che Al Bano non partecipava al festival ce lo siamo trovati lo stesso sia in TV, sia nel cd con la sua hit Felicità cantata in coppia con Romina Power. Mancava solo Amedeo Minghi… Ma vediamo subito il mio personalissimo giudizio:

Sanremo 2013 - back

CD1

1. Sicuramente Gualazzi è un bravo pianista, ma sai che faccio? Passo alla traccia successiva.

2. Ritmo allegro che prende subito, ma per i miei gusti non fa scintille. Passo alla traccia successiva.

3. Una canzona senza introduzione (?!). Voce calda e inconfondibile di Malika. E se poi passassi alla traccia successiva?

4. Per fortuna ci pensano gli EeLST a rompere la monotonia con la loro Canzone mononota. Sempre originali soprattutto dal vivo con la loro simpatia e bravura.

5. Si continua con ritmi più vivaci, ma questa felicità mi ricorda una canzoncina dance, un remix di qualche estate fa, ma è un brano che si fa ascoltare facilmente.

6. Canzone impegnata e ben studiata, e non dimentichiamoci che Daniele è stato affiancato da un signore che traduceva il testo in gesti per i sordomuti: avrà letto anche lui il libro La sinfonia delle cose mute? Appunto, a bocca chiusa.

7. Finalmente una canzone con un testo diverso dal solito amore rimpianto, abbandonato, lasciato, tradito e palle varie. Un testo coraggioso e intelligente che parla ironicamente della morte con un messaggio alla fin fine profondo. La prima volta e anche l’ultima?

8. Una bella voce quella di Maria Nazionale, ma si rientra nella solita lagna. Non è colpa mia se passo alla traccia successiva.

9. Non conosco molto i Marta sui tubi, quindi non me la sento di giudicarli, ma vorrei passare alla traccia successiva.

10. Anche Max Gazzé ha presentato un brano un po’ diverso dai soliti canoni sanremesi parlando dei testimoni di Geova (?) sempre sotto casa.

11. Gli Almamegretta si sono riuniti, ma secondo me non sono più quelli di prima e poi non capisco questi gruppi nati in contesti non proprio nazional-popolari che poi vanno a Sanremo. Anche mamma non lo sa

12. L’essenziale è cambiare traccia…

13. Non conosco la carriera artistica di Chiara; mi sembra che sia uscita da qualche talent-show? Un tango a Sanremo mancava, ma il futuro che sarà te lo dico io: passo alla traccia successiva.

CD2

1. Una canzone sull’omosessualità, ma sempre di una canzone d’amore lagnosa si tratta. Amami uomo: non riesco e passo alla traccia successiva.

2. Baciami? Mi spiace, passo alla prossima traccia.

3. E’ proprio una storia impossibile, quindi premo next.

4. Belli il pianoforte e l’arrangiamento iniziale che non mantiene l’equilibrio con il resto. Next.

5. Tra le parole cantate siamo già al secondo “incazzare” al festival di Sanremo, Uh, che scandalo! Lo scriverò con parole semplici: next.

6. Mi servirebbe sapere se Antonio Maggio abbia incontrato Simona Molinaro (vedi CD1 traccia 5).

7. Dietro l’intima ragione passo alla traccia successiva, ma non ditelo a nessuno.

8. Non conosco anche Il Cile, anche se vedo molti ragazzi che comprano i suoi dischi… Ma ormai le parole non servono più perché abbiamo finito e sono annoiato.

9. Questo tipo di felicità è diventato molto trash, ma è meglio di quelle sopra…

10. Ho sempre odiato L’italiano di Toto Cutugno fin da bambino, anche se ha fatto il giro del mondo, ma almeno era una canzone.

11. Oooh! Apriti cielo! Del secondo disco riesco a salvare solo le ultime tre… Sarà perché ti amo!

Mi sembra che manchino i Modà, grazie al cielo: sarebbe stato l’ennesimo “next”. Conclusioni? Secondo me si tratta delle solite noiose canzoni ideate per Sanremo e riesco a salvarne poche, tra quelle dei giovani nemmeno una. Il mio non vuole essere un giudizio da esperto, ma da semplice ascoltatore ammetto che mi sono annoiato molto. Non capisco l’intrusione delle ultime tre canzoni nel secondo disco, anche se gli interpreti erano stati invitati al festival. Che ci sia tanta nostalgia del passato, dell'”era meglio quando si stava peggio”? Non ve lo so dire, ma è aperto il dibattito. Quella che segue è la mia personalissima classifica; io avrei fatto vincere queste canzoni:

1. Elio e le Storie Tese – La Canzone mononota

2. Simone Criticchi – La prima volta (che sono morto)

3. Daniele Silvestri – A bocca chiusa

Sono trascorse due settimane dal Festival di Sanremo, ma vorrei parlarne ancora un po’, non tanto per quanto riguarda tutto quello che è già stato detto e scritto sul monologo di Celentano, sulla farfalla di Belen e sulle altre notizie da Novella 2000, ma su ciò che dovrebbe veramente interessare durante la gara canora, ovvero le canzoni. Premetto che non ho visto, né ascoltato, nessuna puntata del 62° Festival di Sanremo sia in TV, sia in radio, ma ho ascoltato (a mente fresca) direttamente i due dischi ufficiali Super Sanremo 2012 e Sanremo 2012. E’ sconvolgente che su ben 26 (ventisei) tracce non ho trovato alcun brano che sia all’altezza di essere ricordato se non per la noia e il pessimismo dei testi.

  1. Tralascio Gigi D’Alessio e Loredana Berté che non mi piacciono a prescindere;
  2. Passo alla traccia successiva Nanì di Pierdavide Carone, canzone su una prostituta; sarebbe stato meglio che queste tematiche le avessero lasciate cantare al fu De André;
  3. Dolcenera lasciamola cantare, soltanto perché sa suonare il pianoforte;
  4. Samuele Bersani sarà bravo, ma la musicalità delle sue canzoni mi snerva. Premo NEXT;
  5. Su Arisa ero molto curioso, la musica dolce, un amore finito, ma quel “vomito” nel testo già triste è tremendo, ma le parole descrivono bene il dolore provato. Nel suo disco Amami ho salvato Nel regno di chissa’ che c’è, Democrazia e Ci sei e se non ci sei;
  6. Noemi, direi anche lei molto “spensierata”; per fortuna sono solo parole, NEXT dopo 1’00”;
  7. Eugenio Finardi: ho letto che la canzone avrebbe dovuto cantarla un’altra cantante, ma i discografici erano sicuri che la voce di Finardi sarebbe più adatta; NEXT dopo 2’00” di sofferenza di E tu lo chiami Dio; Signore pietà, amen;
  8. Chiara Civello, un’altra artista da cui mi aspettavo qualcosa di meno sanremese, ma anche lei è cascata nel tranello; sarà brava, ma NEXT dopo 1’00”;
  9. I Marlene Kunts li ho conusciuti in un disco live dei C.S.I. e mai li ho seguiti dopo, ma non mi sarei aspettato che partecipassero ad un evento nazional-popolare come Sanremo; Tanto indie, tanto di parte, ma i soldi fanno comodo; NEXT appena ho finito di scrivere questa riga;
  10. Alessandro Casillo, NEXT dopo 0’30”, è vero!
  11. Celeste Gaia, NEXT dopo 1’00”, le auguro di sposarsi con Carlo così non si lamenta più;
  12. Iohosemprevoglia… di passare alla traccia successiva;
  13. Guasto che strazia, massima positività, NEXT dopo 0’40”;
  14. Canzone di una che non vuole uscire dalla vasca da bagno finché non avrò i piedi a pieghe e prima di non avere le dita grinze; lo sapevo già che le Mou non mi sarebbero piaciute; NEXT dopo 0’34”;
  15. Incognita poesia, incognita canzone e NEXT dopo 0’20”;
  16. Rocco Papaleo era in gara? Mi sembra di no, però mi sembra bravo. E va bé… NEXT, ops!… E’ finito il primo cd: CHE STRAZIOOO!!!

 

  1. Francesco Renga, secondo me, canta una bella canzone d’amore, La tua bellezza, forse l’unica bellezza, tra tutte le canzoni di Sanremo, a parte Belen?
  2. Emma ha vinto il Festival, sfruttando temi di attualità, però basta, ne sentiamo già abbastanza di negatività; si ricomincia con i NEXT;
  3. Anche da Nina Zilli mi aspettavo di più, anche dal suo disco L’amore è femmina. E poi il ritornello ricorda vagamente Ancora ancora ancora di Mina, in fondo cambia solo una consonante, una N (Nina) con un M (Mina). Tracce che ho salvato nel disco di Nina: Un’altra estate, La felicità, L’inverno all’improvviso e lasciamo anche Per sempre.
  4. NEXT dopo 0’35”; Ops… Si tratta dei Matia Bazar;
  5. Irene Fornaciari, Grande mistero per quello che canta. E’ proprio figlia di suo padre… Un po’ di energia musicale, ma NEXT dopo 1’30”;
  6. E tu lo chiami Dio? Si, lo invoco per pietà…
  7. Erica Mou: non ci siamo capiti, non mi piacciono le caramelle, soprattutto quelle gommose;
  8. Alessandro Casillo, ancora? NEXT dopo 0’00’;
  9. Giulia Anania con La mail che non ti ho scritto e se l’avessi ricevuta sarebbe nella cartella degli spam; NEXT dopo 1’10”;
  10. Sono un errore, sono un’ossesione cieca, non concedetemi pietà… Bidiel, sarete accontentati; STOP dopo 0’53”.

Ho finito questo lavoro faticoso per le mie orecchie e la mia psiche. Ma alla fin fine, il Festival di Sanremo a che serve se poi nessuno compra i dischi dei partecipanti alla gara? Boh! Comunque, tra le tante canzoni deprimenti, io avrei fatto vincere Francesco Renga. Forse…


Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 182 follower

Archivi

Categorie

Il blog di Luca C. è stato visitato

  • 66,082 volte
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: