Il Blog di Luca C.

Posts Tagged ‘grafico

 

Scorpione

E anche il 2017 è terminato. Quest’anno è stato tutto sommato meno cupo rispetto al precedente nonostante le molte preoccupazioni. Il 2017 è comunque iniziato con uno “scossone” che per fortuna non ha avuto conseguenze (ehm…), ma mi ha aiutato a prendere la giusta via ovvero quella del pensiero positivo in particolar modo sulle pagine virtuali di questo blog. Volete sapere una cosa, seppur banale? Scrivere i propri pensieri positivi aiuta molto. È cominciato così il 2017, con una speranzosa citazione dal libro di Lino Banfi per poi proseguire in un crescendo di positività tra alti e bassi: vi presento, quindi, la mia situazione reale paragonata alla previsione di Paolo Fox per il segno dello scorpione (dal minuto 13′ e poi dal minuto 28’10” per vedere il grafico)

http://www.raiplay.it/video/2017/01/Laposoroscopo-del-2017-di-Paolo-Fox–26d75ad5-7f4d-4b27-a8b2-64604346c992.html

AMORE: il 2017 non ci ha riservato novità particolari. Lo stress derivante dalla mancanza di lavoro e dall’inattività rende molto stanchi sul piano psico-fisico. Nonostante tutto ci siamo resi conto che il nostro legame è sempre forte e sincero. Questo fa sì che riusciamo a godere ed essere felici delle piccole cose che condividiamo anche se sono presenti le difficoltà e l’incertezza del futuro. Forse è questo il motore che ci fa sempre andare avanti insieme sulla stessa strada e se ogni tanto “sbandiamo” ci aiutiamo l’un con l’altro nel nostro modo migliore che riusciamo ad offrire. Per dirla alla Max Pezzali se ci sarai io ci sarò. Questo è poco, ma sicuro. Solo ci mancano un po’ una bella vacanza di riposo al mare e un bel viaggio in una città europea.

LAVORO: rispetto alla previsione di Paolo Fox tutto è rimasto congelato fino ad aprile quando ho intrapreso l’attività di call-center out bound per ben cinque mesi. Nonostante il tipo di lavoro con contratto a progetto e provvigioni (quindi con retribuzione molto bassa) l’ambiente di lavoro è stato stimolante e positivo. Ho interrotto il percorso lavorativo a settembre per iniziare un corso di pseudo-economia (prodotti finanziari e assicurativi) con la promessa di lavorare in un altro famoso call-center per una altrettanto famosa banca. Pur impegnandomi non sono poi state mantenute le promesse neanche per un’assunzione di una settimana di prova. Complimenti per la serietà. Infine, un altro lavoro è arrivato a metà novembre, sempre interanale (non sia mai!), come corriere per una famosa azienda di e-commerce. Tutto sommato è un bel lavoro che richiede comunque molta attenzione, precisione e un po’ di autonomia che in questo periodo ne ho bisogno. Vedremo come si evolverà la situazione. Mai abbassare la guardia!

FORTUNA: come ho scritto all’inizio la positività porta altra positività. Il 2017 è stato un anno molto creativo e stimolante. Tra una ricerca di lavoro e l’altra mi sono dedicato ai miei hobby, in primo luogo i mattoncini LEGO® con i quali ho realizzato materialmente il modellino Abarth 595 Competizione per la serie Speed Champions riproponendo a gennaio il progetto sul sito LEGO® Ideas. A marzo una famosa azienda di marketing che stava organizzando il raduno per l’Abarth Day tenutosi il 20 maggio all’Autodromo di Varano De’ Melegari ha notato il mio progetto e mi ha chiesto di fornire due modellini (uno rosso e uno giallo) DSC01626proponendomi di creare uno stand dedicato alle famiglie ed in particolar modo ai bambini nel quale costruire con i famosi mattoncini le Abarth 595 e venderle. Purtroppo l’appalto non è stato vinto, ma i due modellini da me realizzati sono in mano dell’Abarth. Chissà che il futuro non riservi una bella sorpresa con la serie Speed Champions? In seguito ho esposto il diorama in due negozi specializzati in LEGO®. Un’altra soddisfazione è giunta a settembre quando un nuovo progetto LEGO® (Architecture Series – Turin, Italy) ha ricevuto l’attenzione dello scrittore e giornalista Giuseppe Culicchia il quale mi ha dedicato mezza pagina sul quotidiano La Stampa LA STAMPAseguito poi da interventi radiofonici (grazie a Katia De Rossi di Radio Number One) e da molti supporters e notorietà. Vi ricordo che il progetto è attualmente on-line in attesa dei vostri voti. Altra passione a cui ho dedicato molto tempo è la creazione di compilation dance da me mixate con tanto di copertine di mia ideazione, che potete ascoltare sulla pagina dedicata in questo blog My DJ Set e sul sito Mixcloud. Insomma, il 2017 è stato caratterizzato dalla creatività.

Infine ecco il grafico che rappresenta l’andamento degli eventi reali.

Scorpione

In conclusione mi sembra che il 2017 sia stato un anno accettabile. Certo, la paura di non avere un lavoro e uno stipendio non aiutano a stare molto sereni. Molto dipende dalla nostra forza interiore, dalle nostre energie, dal nostro radicamento e dal pensiero positivo. Fidatevi, anche io sono sconcertato, impaurito, arrabbiato e deluso, ma il pensiero positivo porta positività. Come potete notare, in questo post non sono stato polemico o eccessivamente negativo. Penso che sia questione di abitudine. Almeno proviamoci ancora anche per il 2018, anno in cui festeggerò due ricorrenze: le nozze di legno (21 giugno) e 10 anni di questo blog (31 maggio). A proposito di blog, probabilmente  il prossimo anno mi vedrò costretto a diminuire notevolmente i post per mancanza di tempo, sempre che non mi rinnovino il contratto di lavoro. Forse, chissà… Intanto seguitemi comunque. Poi sarà quel che sarà…

Buon 2018 a tutti!

Annunci

oroscopo

Come di consueto a fine anno scrivo il resoconto di quello che è realmente successo facendo il paragone con le previsioni astrologiche di Paolo Fox sul mio segno per il 2016.

AMORE: dal 2015 non ci sono stati grandi cambiamenti anche se l’umore non è sempre stato dei migliori. La mancanza di lavoro e la sfiducia verso il futuro influiscono non poco sulla sfera affettiva. E non solo verso la propria compagna, ma anche verso il prossimo in generale compresi amici e parenti. Di sicuro la svolta lavorativa di inizio anno fatta di molti propositi e poi la mancata realizzazione di qualcosa di concreto hanno contribuito a vivere in fasi alte e basse. Di vacanze neanche l’ombra, ma un piccolo e breve viaggio a fine marzo a Perugia ce lo siamo sicuramente gustati.

LAVORO: è stato molto importante darsi da fare per tutto l’anno, ma di occasioni neanche l’ombra. Anzi sì, mi sembra di averne persa una a giugno e ancora oggi non me la perdono. Un lavoro di call center in-bound per assistenza clienti per prodotti bancari a tempo indeterminato, da lunedì a sabato mattina, con turni ma solo a 20 ore a settimana. Domeniche e festivi a casa. Purtroppo la quantità di ore lavorative e l’incapacità di ragionamento e decisione rapidi mi hanno fregato. E pensare che mi avevano chiamato dal C.P.I., quasi un miracolo! Tutte le altre offerte… Solo fuffa! A ottobre un altro lavoretto che mi ha causato più perdite che guadagni.

FORTUNA: quest’anno è stato dedicato molto tempo alla ricerca di un nuovo lavoro. A gennaio la speranza di avere un anno intero per trovarne uno più decente di quello che avevo. Come ho scritto sopra, forse ho perso un’opportunità importante pe rimettermi in gioco. Ho quasi la sensazione che a partire dal prossimo anno la fortuna si esaurisca sotto forma di termine della mobilità ed ingresso nel favoloso mondo della disoccupazione senza più ammortizzatori sociali. Altro che fiducia! La rabbia e la sfiducia sono alle stelle (per rimanere in tema astrologico).

Devo proprio rispondere alla domanda nel titolo: per me il 2017 sarà un anno difficilissimo, più brutto e faticoso del 2016 e che metterà a dura prova i nervi. A questo punto come non augurarvi un felicissimo 20XVII? Tocchiamo ferro, legno, corni, peperoncini lunghi e gioielli di famiglia, anzi prima i gioielli di famiglia e dopo i peperoncini perché sono piccanti. Evitiamo di farci ancora male, và…

Quest’anno non ho trovato su Youtube solo la parte dell’oroscopo dello mio segno, ma tutto il video. Quello dello scorpione lo trovate dal minuto 12’27” al 14’00” e dal 29’04” al 30’07” ed è proprio quest’ultimo pezzo, cioè quello in cui appare il grafico, che ci serve. Bene, bando alle ciance, si comincia: il 2013 è stato un anno importantissimo ed impegnatissimo sul piano psicofisico. Con questo non voglio dire che sia stato un anno negativo, anzi… Ma procediamo con ordine:

scorpione paolo fox

Oroscopo Scorpione 2013: le previsioni di Paolo Fox sono quelle con la linea gialla

AMORE

Come potete vedere, la linea dell’amore a partire da gennaio sale fino ad agosto. I preparativi del matrimonio, tenutosi nel giorno del solstizio d’estate, sono sono stati curati in ogni dettaglio per far in modo che tutto filasse liscio e l’amore ne ha tratto ulteriori vantaggi. Lavorare in coppia per questo progetto è stato molto divertente anche se impegnativo dal punto di vista psichico: tra gennaio e febbraio (se ricordo bene) la lunga degenza in ospedale della suocera e da aprile l’incubo onnipresente di una eventuale perdita di lavoro di entrambi. Ma posso dirlo con orgoglio che ce l’abbiamo fatta! Infine ci siamo goduti il viaggio di nozze negli Stati Uniti d’America. Da fine settembre il mio solito umore altalenante e le mie seghe mentali si sono intromessi alterando il mio benessere psichico ed infine ho capito che io sono fatto così con tante paranoie, ma anche tante energie che si smuovono e che devo rendere libere di esprimersi. Sembra una cosa scontata, ma il matrimonio non deve essere preso come un punto di arrivo, ma un punto dal quale partire per nuove esperienze altrimenti la coppia rischia di “impatofolarsi” citando le parole del mio insegnate di bio-energetica. Il matrimonio va visto come un’esplosione in cui ci si mettono tutte le nostre energie e le nostre aspettative migliori per realizzarlo, ma una volta accesa la fiamma bisogna mantenerla e non farla spegnere. Forse, complice anche l’insoddisfazione lavorativa, sono entrato nuovamente nel tunnel delle negatività con sentimenti di nostalgia verso quello che di bello mi ha regalato l’estate e che non mi posso più rivivere con conseguente malinconia e spossatezza. Capito questo si possono ritrovare le forze che abbiamo sempre avuto e che si sono temporaneamente assopite per riprendere i progetti con l’entusiasmo di sempre. In anteprima vi rivelo che dovremmo a breve impegnarci in un nuova esperienza di vita: la ricerca di un’appartamento un po’ più grande in previsione di un futuro allargamento della famiglia.

LAVORO

Scriverei un bel no comment, ma fatto sta che la situazione lavorativa nel 2013 ha subìto un peggioramento già da gennaio con la notizia della vendita dell’azienda multinazionale per la quale lavoro. Per mesi l’incertezza e l’incubo di perdere il lavoro in una situazione economica gravissima. Inutili i tentativi di inviare curriculum a destra e a manca con la speranza di fare almeno un colloquio. Infine la chiusura delle serrande per ritardi burocratici e la cassa integrazione a zero ore. Ammetto che stare qualche settimana a casa mi ha fatto bene soprattutto per concludere nei migliori dei modi l’organizzazione del matrimonio, ma anche per uscire da quel clima di negatività che è venuto a crearsi sul luogo di lavoro. Purtroppo, però, stare a casa in cassa integrazione non è proprio una vacanza e l’incertezza del futuro inizia a pesare come un spada di Damocle. Per fortuna subito dopo il viaggio di nozze sono stato richiamato a lavoro: si riparte, a fatica, ma si riparte. L’entusiasmo non è alle stelle, ma è meglio che niente. L’insoddisfazione molte volte deriva dal fatto di non aver potuto imparare in passato quello che mi sarebbe veramente piaciuto. Magari sarei stato nelle stesse situazioni di cui sopra, ma con almeno la soddisfazione di aver fatto quello che avrei voluto fare. Ma non posso continuare a rivangare il passato, oramai è passato. Conviene guardare in avanti e capire cosa posso fare e trovare con le qualità e gli interessi che ho adesso e se non è possibile applicarli a lavoro, farli diventare un interessante hobby. Non si sa mai cosa riserva il futuro, intanto bisogna attivarsi e non rimanere fermi a rimuginare quel che non può più tornare. Questo mi ha insegnato che quando sarà il momento saranno miei figli di decidere gli studi da intraprendere senza alcuna forzatura. Spero di riuscire nell’intento. Aggiungo un’ultimo pensiero: capisco la situazione economica, ma tutte le lotte che hanno fatto le generazioni prima della nostra per ottenere giusti diritti e doveri sono state gettate nel cesso?

FORTUNA

Il tema della fortuna nel 2013 ha un suo peso notevole: anche se sto di nuovo attraversando una profonda fase di passaggio (si tratta di sfortuna?) ho avuto la fortuna di essermi sposato con tranquillità, la fortuna di avere fatto una vacanza in terre lontane con culture diverse, la fortuna di avere ancora un lavoro, la fortuna di avere rischiato la perdita del posto di lavoro e domandarsi cosa so fare? quali sono i miei interessi? Come posso sfruttarli nel lavoro?, la fortuna di avere dei genitori sempre vicini al momento del bisogno, la fortuna di avere una sorella che con pazienza mi ascolta e mi consiglia, la fortuna di avere degli “aiuti” esterni alla famiglia, la fortuna di non essere completamente solo anche se i rapporti con gli amici sono sempre diradati, la fortuna di avere una palla di pelo nero che gira per casa, la fortuna di farcela economicamente ad arrivare a fine mese, la fortuna di cadere e rialzarmi un po’ più forte, la fortuna di entrare in crisi, capire cosa c’è dietro e di uscirne, la fortuna di avere un tetto sotto la testa, la fortuna di sapere che ogni sera ad aspettarmi a casa c’è lei, la fortuna di svegliarmi con lei, la fortuna di avere una moglie intelligente, curiosa, sapiente e tanto paziente quando sono nei miei momenti grigi, la fortuna di avere una moglie che mi ama e che spero di ricambiare in ugual misura. Cos’altro volete dalla vita? Magari un 2014 in cui tutti siano onesti, giusti, corretti, un po’ più altruisti e meno ladri, più gentili, più colti, più sereni, più felici… Buon 2014!

Per non creare dei post troppo lunghi ho fatto che crearne due. Ed ecco di seguito le altre valutazioni. Purtroppo come anticipato non tutti i nostri fornitori hanno avuto voti positivi e di questi vi racconterò, ma non farò nomi. Per esempio abbiamo avuto problemi con le partecipazioni.

PARTECIPAZIONI (4,5)

Adesso non so di chi sia la colpa, ma se io pago un servizio e chiedo che sia eseguito entro una certa data seppur troppo in anticipo con il matrimonio voglio che sia fatto. Perché per fermare i lavori tutti vogliono un acconto, ma in cambio io pretendo che si rispettino i tempi. In pratica abbiamo scelto per le partecipazioni una tipografia di Fabriano che fa lavorare dei ragazzi disabili. E’ possibile richiedere on line gli ordini, ma abbiamo preferito appoggiarci a un negozio specializzato in liste nozze e che principalmente vende molti prodotti per la casa. Abbiamo fatto questa scelta per avere un referente che fosse a Torino, possibilmente vicino a casa nostra e lo abbiamo trovato anch’esso tramite una delle due fiere dedicate agli sposi. Il negozio si trova nella zona di corso Rosselli e largo Orbassano a Torino. Abbiamo ordinato le nostre partecipazioni il 6 febbraio per poi scoprire, dopo alcune telefonate in cui il nostro referente risultava assente ed i suoi collaboratori non ne sapevano nulla del lavoro richiesto e peggio ancora che l’ordine non era ancora stato inviato. Peccato che era già il 6 marzo e che l’abbiamo saputo contattando direttamente la tipografia. Se tutto fosse andato per il verso giusto avremmo avuto le partecipazioni entro fine febbraio. Arrabbiato mi sono recato in negozio in cui il nostro referente ci confermava che l’ordine invece l’aveva inviato e che la tipografia non aveva svolto il lavoro nei tempi previsti. Tornato a casa ancora più arrabbiato ricontatto la tipografia che mi dice il contrario. Quindi telefono in negozio minacciando che se l’ordine non fosse stato inviato entro il 9 marzo avrei disdetto tutto. Tempo dieci minuti ricevo la telefonata dalla tipografia e l’e-mail dal negozio per la conferma dell’avvenuta ricezione dell’ordine. Peccato che le partecipazioni siano arrivate, così, a fine marzo. Più di un mese di ritardo e nemmeno un sconto ulteriore, anzi le buste delle partecipazioni dovevano essere bianche ed invece erano trasparenti. Complimenti per il lavoro!

Partecipazioni

FOTOGRAFO (10)

Anche per il fotografo siamo andati molto a istinto. Partendo da uno vicino a casa nostra, seppur simpatico, abbiamo preferito quello che abbiamo incontrato durante una delle due fiere sposi a Torino. Forse per la simpatia, forse per il loro “savoir faire” e lo sconto fiera applicato nonostante fossimo fuori tempo massimo ci hanno catturato e così abbiamo ingaggiato padre e figlia per il nostro matrimonio. Non ne capisco di foto, ma penso che sia un lavoro difficile far sorridere persone che, seppur felici del matrimonio, hanno la tensione stampata in faccia. E poi la luce del sole che dopo la cerimonia cambiava repentinamente hanno creato non poche difficoltà ai fotografi. Ma ce l’abbiamo fatta lo stesso. Nel momento in cui scrivo l’album è ancora in lavorazione, quindi non sono in grado di fare valutazioni anche se le premesse di un ottimo lavoro ci sono. Il lavoro fotografico comprende l’album per gli sposi, due piccoli album per i genitori, il dvd con tutte le foto scattate e tutti i provini stampati. Alla fine abbiamo speso un po’ più di quello che era stato preventivato perché su consiglio del fotografo sono state aggiunte una decina di foto in più. Alla fine addio sconto… Inoltre il fotografo è quello ufficiale del Politecnico di Torino, quindi le garanzie della qualità ci sono. P.S. Abbiamo ritirato l’album ed è perfetto!

Per info: Studio Sibona – Via Bidone 14 b, Torino – http://www.studiosibona.com

LISTA NOZZE (5)

Per comodità abbiamo scelto una grande agenzia di viaggi specializzata in viaggi di nozze in zona piazza Adriano. Ovviamente per ragioni di tempo e per ottenere i vantaggi economici offerti abbiamo dovuto prenotare uno dei viaggi consigliati già a dicembre 2012. Le impiegate sono professionali e la nostra referente ci ha spiegato molto chiaramente tutti i dettagli del nostro viaggio di nozze. I primi invitati a versare le loro quote si sono presentati mesi dopo, ma in tempo prima della chiusura della lista. Anche se abbiamo dovuto saldare la quota restante i soldi versati dopo il saldo sono stati restituiti sul nostro conto corrente. Purtroppo devo constatare che siccome l’agenzia a partire dalla primavera è stata presa d’assalto non abbiamo potuto godere in pieno delle attenzioni che ci aspettavamo: qualche ritardo nelle risposte, e-mail non inviateci e la nostra referente purtroppo è stata assente per un mese intero per problemi personali. Nella lista nozze doveva essere compreso un mini puzzle se non erro di 35 pezzi, ma che non abbiamo ricevuto. Pazienza, nulla di grave. Forse quello che ritengo un po’ più grave e di cui sono venuto a conoscenza ora è che a sentire amici e parenti che hanno versato le loro quote, non tutti i nomi sono stati scritti e, soprattutto, un mio caro amico mi ha fatto notare che aveva lasciato un biglietto di auguri che l’impiegata ha inserito in una cartellina con dentro altri biglietti destinati a noi, ma che alla fine abbiamo ricevuto solo due settimane fa solo dopo che sono andato ad informarmi. Inoltre, fatto ancora ben più grave e di cui cono venuto a conoscenza ora, alcune persone sono state invitate a versare nella lista solo soldi contanti e non hanno avuto ricevuta fiscale. Ad altre sono stati richiesti tre euro di commissione in caso di pagamento con con carte e/o bancomat. Chi mi garantisce che tutti i soldi sono stati utilizzati per la lista? Purtroppo non posso dimostrare nulla, ma queste notizie non mi hanno permesso di dare una piena sufficienza all’agenzia di viaggio. Almeno sono state rispettate tutte le scadenze e quello che era stato promesso dal viaggio organizzato è stato mantenuto.

ANIMAZIONE (9)

Come animazione durante e dopo il rinfresco abbiamo scelto un dj perché non ci piaceva l’idea né di avere il tastierista che canta, né di avere un’animazione eccessiva in quanto sappiamo che non avrebbe avuto successo con molti nostri invitati (tra qualche riga scoprirete perché). Quindi abbiamo optato per una situazione sì informale, ma non invasiva. Il dj è quello che faceva per noi. Nello (il nome del dj, nonché nostro ex collega) sa il fatto suo in materia di musica, mixer e file digitali e ha fatto un buon mixaggio tra la parte parlata e la musica per l’ingresso degli sposi al ristorante:  Back to the future di Alan Silvestri (in tema con i segnaposto “cinematografici”). Ci ha guidato alla selezione dei brani (molti dei quali scelti da noi) che hanno fatto da colonna sonora del rinfresco e ha voluto giustamente avere carta libera perché durante l’aperitivo e il pranzo ha fatto attenzione agli atteggiamenti degli invitati in modo da utilizzare le musiche giuste e accontentare e divertire tutti. Ma l’imprevisto era dietro l’angolo: appena dopo aver mangiato la torta tutti i parenti invitati si sono alzati (nemmeno hanno aspettato il caffè al tavolo) e se ne sono andati via proprio all’inizio delle danze. Nello, come noi, è rimasto perplesso, ma ha continuato imperterrito il suo lavoro. D’altronde non è stata mica colpa sua. Purtroppo una serie di inconvenienti non ha permesso un passaggio fluido dal pranzo alle danze: la sala era un po’ piccola e così abbiamo dovuto spostare alcuni tavoli per poter ballare. Alla fine sono rimasti gli amici del “sabato sera” a farci compagnia fino al tardo pomeriggio. Nello ci ha fatto divertire con molti brani recenti e non, pop, rock, ever green e dance; insomma ce n’era per tutti i gusti, come promesso. Inoltre, grazie alla moglie di Nello (che è una wedding planner) ci sono stati forniti degli ottimi consigli sull’organizzazione del nostro matrimonio. Abbiamo riscontrato purtroppo che la conformazione della sala e la posizione degli altoparlanti non hanno permesso una diffusione ottimale della musica. Ecco la prima lista dei brani (in seguito alcuni sono stati sostituiti). Grazie per il tuo lavoro, Nello!

tracklist

MUNICIPIO DI PECETTO TORINESE (8)

Per quanto riguarda le questioni burocratiche tutto è andato liscio. L’impiegata dell’ufficio stato civile che ha seguito il nostro caso è sempre stata disponibile fin dall’inizio sino al giorno del matrimonio che si è tenuto nella sala consiliare dal sindaco. Purtroppo il comune non dispone di impianto di diffusione sonora e amplificazione audio. Così per utilizzare la musica abbiamo utilizzato un PC portatile e gli mp3 forniti da dj Nello. Inoltre la voce del sindaco (anch’egli molto gentile) era molto bassa e si sentiva poco. Sicuramente era emozionato anche il sindaco tanto da sbagliare a leggere la data del matrimonio, ma lo posso capire, emozionati come eravamo noi… Queste sono le papere che uno si ricorderà sempre e che faranno sempre sorridere!

Per info: http://www.comune.pecetto.to.it/

Sala comunale

TUTTI GLI ALTRI FORNITORI (s.v.)

Dovrei aver considerato tutti i fornitori o quasi, ma il ringraziamento va a tutti perché ci hanno permesso di realizzare una meravigliosa giornata. Un aiuto ulteriore ci è giunto dal sito http://www.matrimonio.com/ grazie al quale è possibile ordinare le idee. Un ringraziamento ulteriore va alle cartolerie e alle copisterie che ci hanno fornito i materiali ed i consigli giusti per ottenere artigianalmente dei buoni segna-tavolo e il tableau marriage.

Tableau marriage


Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 90 follower

Archivi

Categorie

Il blog di Luca C. è stato visitato

  • 88.072 volte
Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: