Il Blog di Luca C.

Posts Tagged ‘lino banfi

Risultati immagini per quo vado? locandina

E’ vero, non è un film recente. E’ trascorso un anno dalla sua programmazione nei cinema, ma l’abbiamo visto solo qualche sera fa. Come avrete capito, in questa rubrichina dedicata alla settima arte parlerò di film vecchi e nuovi che mi sono particolarmente piaciuti e che mi hanno sorpreso e colpito. Negli ultimi sei anni non ho più seguito con attenzione il cinema italiano e, in particolar modo, le commedie. Comunque ci sono attori che io reputo particolarmente simpatici che recitano in film divertenti ed intelligenti, vedasi Ficarra e Picone, Ale e Franz o Luca Medici alias Checco Zalone ottimo comico, paroliere e musicista. Con Quo vado? è stata data una sferzata d’aria fresca alla commedia all’italiana. Certo, i riferimenti alla famiglia italiana e alle magagne nostrane sono sempre presenti, ma sarà stata la capacità del regista Gennaro Nunziante, degli attori e di tutti i collaboratori che hanno reso questo film delizioso e intelligentemente divertente. Nel film, oltre all’elogio alla Puglia e ai piatti pugliesi (notare il riso con ceci e cozze nella mensa norvegese), compare Lino Banfi nei panni di un uomo politico, che è stato voluto fortemente da Checco Zalone per riconoscenza alla sua comicità e ai suoi film. Non so se sia stato fatto apposta, ma l’ufficio Caccia e Pesca fa venire in mente la scena di Vieni avanti cretino in cui Lino Banfi interpreta la parte di Pasquale Baudaffi al colloquio di lavoro: che si tratti di un omaggio? Di seguito un breve sunto della storia:

Checco viaggia in un taxi e sta attraversando una foresta africana quando l’auto smette di funzionare e, insieme al tassista, viene rapito da una tribù. Se vuole salvare la pelle dovrà raccontare la sua vita e se il capo tribù lo riterrà una persona buona verrà lasciato libero. Checco è un impiegato statale pugliese dell’ ufficio Caccia e Pesca che ha ottenuto il posto fisso con ottimi orari lavorativi e poche responsabilità, ha una fidanzata che non vuole sposare e vive ancora con i genitori. Insomma, fa la figura del “bamboccione”. Quando verranno abolite le province sostituite dall’area metropolitana molti impiegati provinciali verranno licenziati offrendo loro un assegno generoso. Checco, che non vuole abbandonare il suo posto fisso, non firma il suo licenziamento e accetta di essere trasferito. Con la speranza di farlo dimettere verrà spedito continuamente in posti sempre più lontani ed isolati fino al Polo Nord in Norvegia in una base scientifica italiana. Qui Checco conosce e si innamora di una ricercatrice, Valeria. Finalmente il protagonista si accorge con tutte queste esperienze di lavoro e di vita che sta cambiando in meglio, ma l’inverno norvegese lo convincono a ritornare, seguito da Valeria, in Italia dove verranno inviati nell’entroterra siciliano in cui fonderanno una clinica per animali esotici posseduti illegalmente dai boss mafiosi. La corruzione e la solita burocrazia italiana non permettono a Checco e a Valeria di continuare il loro lavoro mettendo in crisi la loro relazione fino alla separazione. Il protagonista riesce a ritornare a lavorare nel suo paese d’origine. Ben presto, però, riceverà una telefonata da Valeria che lo esorta a raggiungerlo il prima possibile in Africa. Quali avventure gli riserverà ora la vita? Riuscirà Checco a mantenere il suo posto fisso? Riuscirà ad essere una persona più responsabile?

Altri film consigliati:

Annunci

… per iniziare con il sorriso e un po’ di fiducia il 2017.

scansione

Ho sempre avuto e non so perché – non ne avevo ragione, in verità – una fiducia incrollabile nella mia riuscita. Anche quando a Milano dormivo dentro i portoni, nella case in costruzione, alla stazione, per strada, che con tutto il rispetto, i centri d’accoglienza per migranti di oggi sono alberghi in confronto… mi dicevo, dura poco, è momentaneo. Un giorno sarò ricco e famoso e firmerò gli autografi. Tutto si aggiusta. E’ un buon modo di affrontare la vita. Lo consiglio anche a chi non volesse sfondare nel mondo del cinema o della tv: ma se avete un obiettivo siate caparbi, siate affamati. Siate lungimiranti, seguite il profumo del futuro, non la scia di formaggio del passato, che quella non nutre. Così convinsi la mia sposa novella a sorridere e baciarmi.

(Lino Banfi, Ho(t)tanta voglia di raccontarvi… la mia mia vita e altre stronzéte, Mondadori, 2016)

Vieni avanti cretino

Il Padre Eterno quando fece il mondo lo disegnò quadrato, però gli venne tondo. E poi sbagliò dell’uomo il modellino: il primo venne dritto, ma l’altro un po’ cretino.

Se tu sei cretino lo sai solo tu. Quando uno è scemo, è scemo pure nel Perù.

Il Padre Eterno, allora, un po’ sudato si tolse uno stivale e fece il nostro Stato ed erano 800 cittadini: 600 deputati e 200 cretini.

Lo dice il padrone al contadino: Vieni avanti cretino! Risponde l’operaio al suo padrone: Vieni avanti frescone!

Sì, sì, è proprio così. Oh yes, ja, mais oui.

Lo dice Pippo a Pluto e a Topolino: Vieni avanti cretino! Risponde Paperino a Paperone: Vieni avanti frescone!

Se tu sei cretino lo sai solo tu. Quando uno è scemo, è scemo pure nel Perù. C’è un cretino a Siracusa e uno a Timbuktu, uno in mezzo ai Piemontesi e uno fra gli Indù.

Il Padre Eterno, allora, un po’ sudato si tolse uno stivale e fece il nostro Stato ed erano 800 cittadini: 600 deputati e 200 cretini.

Lo dice il capoccione al cittadino: Vieni avanti cretino! Risponde il cittadino al capoccione: Vieni avanti frescone!

Sì, sì, è proprio così. Oh yes, ja, mais oui.

Lo dice il fratellone al fratellino: Vieni avanti cretino! Risponde il fratellino al fratellone: Vieni avanti frescone!

Se tu sei cretino lo sai solo tu. Quando uno è scemo, è scemo pure nel Perù. C’è un cretino a Sicacusa e uno a Timbuktu, uno in mezzo ai Piemontesi e uno fra gli Indù.

Vieni avanti cretino, vieni avanti cretino, vieni avanti, vieni avanti, vieni avanti cretino!

E sto arrivando… Ma che maniere!

You never know!

(Lino Banfi, Fabio Frizzi, Vieni avanti cretino, 1982)


Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 89 follower

Archivi

Categorie

Il blog di Luca C. è stato visitato

  • 86.617 volte
Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: