Il Blog di Luca C.

Posts Tagged ‘maggio

Il 28 e il 29 maggio si è tenuta a Montemagno (AT) la fiera mangereccia Pane al pane, sottotitolata Elogio del pane monferrino. Siamo stati fortunati perché il nostro amico ci ha ospitato nella sua casa, proprio nel centro storico del paese, e poi il tempo è stato clemente, soprattutto sabato. Montemagno ha, a mio parere, un bellissimo centro storico da far invidia, che so io, al Ricetto di Candelo. Lo farei rientrare tra i borghi più belli d’Italia. Purtroppo il paese sembra molto spopolato e molte case d’epoca sono in grave stato di abbandono. Si ritorna al solito discorso: se solo si avesse coscienza delle bellezze che abbiamo in Italia, se solo si favorissero lo sviluppo di attività in questi luoghi, se solo si pubblicizzassero di più, si potrebbe curare un pochino questa crisi economica! Ma siamo in Italia, mica in Francia dove ti sanno valorizzare una pietra per terra. Comunque, a Montemagno c’è anche un castello privato che, se volessero i conti che lo abitano e i cavilli burocratici tipici italiani, potrebbe essere un’attrazione turistica notevole. Per fortuna, grazie ai pochi residenti rimasti, qualcosina si muove. La proloco ha organizzato questa fiera mangereccia rinominata da me Mo'(n)te magno (la n non si pronuncia). Alcuni cortili del paese sono stati utilizzati per offrire ai forestieri del buon cibo. Alla fine il pane c’entra poco, però meritano una lode coloro che si sono impegnati a rendere per due giorni Montemagno un paese accogliente e rilassante come lo sono le campagne circonstanti che ho fotografato per valorizzarne i luoghi ed invitarvi a visitare almeno una volta il paese. Intorno ad esso ci sono delle brevi e semplici passeggiate in mezzo alla natura adatte alle famiglie con bambini. A giudicare dall’afflusso di gente ne ho dedotto che poche persone conoscono sia questi splendidi luoghi dell’astigiano, sia le fiere che vi organizzano. A voi il giudizio. Infine, il solito commento ai signorotti che ci governano: se uno vuole e se lo Stato italiano venisse incontro a chi ha voglia di aprire un’attività, si potrebbero avere molti vantaggi sfruttando il turismo, l’artigianato, l’arte, la cultura e l’enogastronomia del nostro splendido e disastrato Paese. Di seguito il programma ed il menù di Pane al pane edizione 2016 e alcuni scorci della campagna di Montemagno.

ScansioneScansione_0001

Questo slideshow richiede JavaScript.

Annunci

Ormai è più facile incontrarsi su Facebook che incontrarsi per strada. E quando proprio non si può fare a meno di uscire, si rischiano grandi craniate perché, secondo le statistiche, è sempre più diffusa l’abitudine di proseguire sul cellulare il collegamento iniziato al computer, senza mai disconnetersi, camminano tutti a testa bassa con uno smartphone o un tablet in mano, senza mai guardare avanti. O, peggio, guidando con un occhio sulla carreggiata e un occhio sullo smartphone […] Forse non ci avete fatto caso ma tre quarti della gente seduta in metropolitana continua a digitare risposte sulla chat. […] Ora d’accordo per il cazzeggio, è giusto, in fondo abbiamo tutti diritto alla nostra ora di cazzeggio quotidiano. Ma l’abuso degli smartphone e dei tablet sta introducendo drammatiche mutazioni relazionali nelle nuove generazioni. Noi adulti siamo tendenzialmente più “stanziali”, nel senso che preferiamo connetterci al social web con un computer e in una stanza. […] Oltre un terso degli studenti ha dichiarato di ricevere e mandare oltre 100 messaggi al giorno, e di controllare il telefono 16 volte all’ora. Minchia. […] il 7% ammette di averlo fatto durante il sesso […] E’ un fenomeno che, se comincerà a diffondersi, diventerà decisamente preoccupante per come potrà cambiare le cose in camera da letto. No, questa roba non fa per me, io sono rimasto all’antica, preferisco il mio computer. Per cui, scusate tanto, ma stasera non esco. E’ inutile che insistiate con i vostri cinema, le vostre trattorie che ormai sono diventate tutte care. Anche le serate a casa di qualcuno, con i soliti discorsi triti e ritriti, non mi attirano più. E’ da anni che non accendo più nemmeno la televisione, tanto non c’è proprio nulla da vedere. No, preferisco cazzeggiare online. Ma volete mettere?

(Bruno Ballardini, Il futuro del mese, Linus n° 600, maggio 2015)

Maggio 2015(per profilo Facebook)

Il nuovo progetto LEGO Architecture (per Torino 2015 Capitale dello Sport) – Palazzo Madama è in arrivo per gli inizi di maggio 2015 direttamente sul sito https://ideas.lego.com; tutt’ora sono presenti i vecchi progetti (Palazzo Madama e Mole Antonelliana) che verranno eliminati a partire da domani dopo più di un anno che sono stati postati sul sito in attesa dei vostri voti. Il nuovo progetto rivisitato e corretto di Palazzo Madama della serie LEGO Architecture dovrebbe essere visionato e accettato dal gruppo LEGO prima di essere postato sul sito ufficiale. In attesa di tutto ciò, potete seguire le news sulla pagina Facebook che ho creato appositamente (https://www.facebook.com/legoforturin2015). Non appena verrò a conoscenza del nuovo link vi informerò e vi inviterò a votare numerosi, molto numerosi e a diffondere il più in fretta possibile a conoscenti, amici, parenti, blog e social network. Ho bisogno di 10000 (diecimila) voti in soli 365 giorni (se si arrivasse a 1000 supporter verranno aggiunti ulteriori 180 giorni) per far sì che si concretizzi il progetto e venga prodotto e distribuito in tutto il mondo. . Vabbé, mi accontento che venga distribuito almeno in Italia. Confido in voi, grazie!!!

Per info:

https://www.facebook.com/legoforturin2015

https://ideas.lego.com

Un ragazzo bravo e bello,

col lavoro di bidello,

prese soldi a sufficienza

per studiare alla Sapienza.

Una laurea con lode

valse un posto da custode,

con compenso in parte in nero

e contratto assai severo.

Dopo un anno mal pagato

ecco il colpo inaspettato:

inserviente nell’ospizio

per curare con giudizio

l’automobile aziendale

del direttor generale.

Un bel giorno la Fornero

si ritira dal lavoro,

all’ospizio si ritrova

ma Filippo è ancora in prova:

“Filippino Filippuccio

vuoi dormire al calduccio?

Sgobba, taci, zitto e servi

altrimenti perdo i nervi!”

Filippino Filippuccio,

incazzato un bel pocuccio,

prese il pranzo della vecchia

e per renderlo fetecchia

ci pisciò copiosamente

tra gli applausi della gente.

(La filastrocca del precario pigrone tratto dal mensile Linus, numero maggio 2012)


Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 89 follower

Archivi

Categorie

Il blog di Luca C. è stato visitato

  • 86.660 volte
Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: