Il Blog di Luca C.

Posts Tagged ‘pixar

untitled

Foto tratta da colonnesonore.net

Eccomi! Sono tornato dopo più di due mesi di assenza! Pensavate di esservi liberati di me, e invece no! A parte gli scherzi, il mio allontanamento dal blog ed in generale dai social network era stato previsto da tempo a causa del trasloco, evento noioso, stressante e necessario, ma che non ci ha evitato di essere presenti ad alcuni eventi nella nostra città ovvero Torino. Inizio a raccontarvi della View Conference 2019 tenutasi alle OGR. Per chi non ne fosse a conoscenza il suddetto evento si ripete da molti anni in città. Forse è piuttosto snobbato perché è riservato agli “addetti ai lavori”, cioè tutti coloro che si occupano di computer grafica, effetti speciali per film, nuove tecnologie per la settima arte, ma anche videogiochi. Beh, modestamente io… non sono un addetto ai lavori, ma un fan sfegatato della Disney/Pixar. L’appuntamento che ci ha notevolmente colpito è stato il concerto del 21 ottobre dedicato alle musiche di Michael Giacchino a soli quindici, e dico quindici, euro! Il famoso compositore ha iniziato il suo lavoro proprio dedicandosi alla colonna sonora di un videogioco. Da lì è nata la sua lunga e prosperosa carriera: per rimanere in tema Disney/Pixar come non citare Up! (il mio preferito), Ratatouille, Cars, Zootropolis, Coco, Gli Incredibili 2. Insomma tanta, tanta, ma veramente tanta roba e non solo Disney! Inizialmente pensavo che fosse lo stesso Giacchino a dirigere la sua orchestra di musicisti americani, ma invece sul palco si sono presentati elementi italianissimi, anzi che dico, piemontesissimi, anzi che dico, torinesissimi, anzi che di dico… di Feletto! Sta di fatto che l’orchestra (Associazione Filarmonica Felettese diretta dal bravissimo e orgogliosissimo Bruno Lampa), composta da adulti, ragazzi e bambini (il più piccolo aveva solo 10 anni) si era preparata per mesi all’evento, supervisionati dal famoso compositore. Forse per questo che il costo del biglietto era così basso? Non importa, sta di fatto che abbiamo assistito ad un meraviglioso concerto, con bellissime musiche e con bravissimi musicisti. Michael Giacchino era lì con loro a presentare ogni brano raccontando i vari aneddoti connessi ad esso, ma sorpresa delle sorprese al momento di introdurre il tema de Gli Incredibili 2 interviene sul palco niente popò di meno che Brad Bird il regista del lungometraggio animato! Un ringraziamento a Michael Giacchino che con le sue musiche ci emoziona e un plauso meritato all’Associazione Filarmonica Felettese diretta da Bruno Lampa che con il loro duro lavoro hanno dato vita ad un concerto memorabile che resterà a lungo nei nostri cuori!

Per info:

https://www.viewconference.it

http://web.tiscali.it/filarmonica_feletto

https://www.facebook.com/people/Bruno-Lampa/100005596033528

Immagine correlata

Quando ero piccola pensavo che Zootropolis fosse un posto perfetto dove tutti vanno d’accordo e ognuno può essere ciò che vuole. Poi ho scoperto che la vita reale è un po’ più complessa di una frase ad effetto. La vita reale è complicata. Tutti abbiamo dei limiti e tutti commettiamo errori, il che significa “Hey! Il bicchiere è mezzo pieno!“. Tutti abbiamo qualcosa in comune e più cerchiamo di capirci l’un l’altro più speciale sarà ognuno di noi, ma dobbiamo tentare. Perciò non importa a quale specie apparteniate, dal più grande degli elefanti alla prima delle nostre volpi. Io vi prego, provate! Provate a rendere il mondo un posto migliore. Guardatevi dentro per capire che il cambiamento parte da voi, parte da me, parte da tutti noi.

(Discorso finale di Judy Hopps da Zootropolis, Disney-Pixar 2017)

Immagine correlata

E’ inutile che guardate il video. Elastic-Girl non ha risolto la situazione. Non fa che rimandare la sconfitta e mentre rimanda la sconfitta voi mangiate patatine lasciando che sia lei a risolvere i problemi che per pigrizia non affrontate. I Supereroi sono parte del vostro sciocco desiderio di rimpiazzare la vita reale con la finzione. Voi non vi parlate, guardate i talkshow; voi non giocate, guardate i giochi televisivi. Viaggi, relazioni, rischi,  ogni esperienza di valore va impacchettata e consegnata al domicilio perché possiate guardarla da lontano in modo da essere per sempre protetti, per sempre passivi, per sempre famelici spettatori che non riescono nemmeno ad alzarsi dai loro divani, fare uno sforzo e vivere una vita vera. Volete che i supereroi vi proteggano: in questo modo diventate giorno dopo giorno più deboli convincendovi che qualcuno vi proteggerà, che i vostri interessi siano tutelati così come i vostri diritti, mentre il sistema si prende gioco di voi con il sorriso stampato in faccia. Fate pure… Mandate i Super a fermarmi, fate uno spuntino davanti allo schermo e guardate che succede. Voi avete perso il controllo e l’ho preso io.

(Discorso dell’Ipnotizzaschermi da Gli Incredibli 2, Disney-Pixar 2018)

Finalmente abbiamo avuto un’altra giornata da trascorrere insieme e, avendolo saputo settimane prima, abbiamo acquistato due biglietti per l’ingresso alla mostra della Pixar al Pac di Milano. La Pixar ha deciso di festeggiare i suoi 25 anni di attività allestendo la prima mostra in Europa, in Italia, a Milano, nel Padiglione d’Arte Contemporanea ovvero PAC, in cui è possibile ammirare disegni, schizzi, stoyboard, progetti e sculture di tutti o quasi tutti i presonaggi dei cartoni animati della famosa azienda che collabora con Disney. E’ interessante scoprire come nasce un cartone animato Pixar e capire quanto lavoro ci sia dietro. Quando si ha un’idea originale o un soggetto originale si inizia a sviluppare la storia, quindi intervengono disegnatori, artisti, programmatori per studiare i personaggi, gli ambienti in cui si muoveranno (per alcune scene di Cars 2 hanno osservato Portofino in Italia), i colori adatti per creare le giuste atmosfere, tutti i dettagli nei minimi particolari e si può dire che solo alla fine di tutto questo lungo lavoro di gruppo viene usata la computer-grafica. I personaggi sono disegnati seguendo i dialoghi che sono stati scritti precedentemente, poi verranno inseriti negli ambienti e fatti muovere con la computer grafica; in seguito verranno inseriti i rumori, poi la colonna sonora che in alcuni casi viene suonata dall’orchestra durante la proiezione del film. Spiegato così sembrerebbe un cosetta da niente, ma sicuramente si tratta un lavoro difficile, faticoso, ma che alla fine dà enormi soddisfazioni quando poi si viene gratificati dal pubblico di tutto il mondo. Pensate solo che per il nuovo film Brave che uscirà nell’estate 2012 negli USA, ci stanno lavorando dal 2005 e di quest’ultima opera c’è un’anticipazione al termine della mostra. Al PAC si può ammirare tutto questo che vi ho descritto velocemente. Al piano terreno sono presentati tutti i progetti Pixar, ma ciò che più desta meraviglia sono lo zootropio e il video con la raccolta dei disegni più interessanti proiettati con l’ausilio di ben tre proiettori. Al piano superiore dello spazio espositivo sono invece esposte le tavole con la spiegazione tecnica di come nascono i film d’animazione Pixar, sono proposti su video tutti cortometraggi e c’è il book-shop in cui acquistare la simpatica Pixarpedia e il catologo ufficiale della mostra a 29 euro. Sembrerebbe una visita veloce, ma in realtà serve almeno un’ora e mezza. Vi consiglio vivamente di non perdere questa occasione. Un’avvertenza: all’interno non si possono fare foto tranne che per Sullivan e Mike di Monster & Co.

Per info:

http://www.mostrapixarmilano.it/

http://www.pixar.com/

http://www.comune.milano.it/WebCity/Documenti.nsf/WEBAll/9817BC75D542074DC1257949004D6E15?opendocument


Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 94 follower

Archivi

Categorie

Il blog di Luca C. è stato visitato

  • 91.187 volte
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: