Il Blog di Luca C.

Posts Tagged ‘rock

Dopo tre anni dalla messa in onda siamo riusciti, tra le varie serie TV caricate sul nostro hard-disc multimediale in attesa di essere guardate, a dedicarci a Vinyl. Suddetta opera televisiva è stata prodotta da Mick Jagger dei Rolling Stones e Martin Scorsese (e ovviamente altri che non conosco) per l’emittente televisiva HBO. La serie TV è divisa in 10 puntate (la puntata pilota dura due ore, mentre le altre un’ora) e racconta la storia di Richie Finestra fondatore e proprietario dell’etichetta discografica American Century. Le vicende si svolgono nella New York degli anni ’70 del secolo scorso. Finestra sta per vendere la sua casa discografica in fallimento alla tedesca Polygram, ma assistendo ad un concerto proto-punk (il leader della band The Nasty Bits è interpretato dal figlio di Jagger) decide di portare rinnovamento alla sua creatura cercando di scoprire nuovi talenti,  suoni e stili musicali (tra cui un accenno sulla disco music e sull’emergente mondo dei DJ). L’idea, anche se rischiosa, è buona e coinvolgerà i suoi soci e dipendenti, ma Richie con la cattiva abitudine di sniffare cocaina a volontà non fa altro che peggiorare la situazione. Sotto gli effetti dell’alcol e della droga viene coinvolto in un omicidio, è incapace di gestire somme ingenti di denaro ed infine affida i suoi affari al boss mafioso Galasso. A causa della sua dipendenza e delle sue continue crisi viene anche abbandonato dalla moglie. Nonostante ciò Richie va avanti perché capisce che può ancora salvare la casa discografica, l’amore, la famiglia, i soci e i dipendenti e sé stesso. Per far ciò deciderà di smettere di sniffare cocaina e di patteggiare con l’F.B.I. la sua colpevolezza nell’omicidio aiutando gli investigatori ad incastrare Galasso. Insomma, una bella situazione di merda!

Non sapremo mai come andrà a finire la vicenda perché a causa dei bassi ascolti la produzione ha deciso di sospendere le riprese e cancellare la serie TV (vi prego, andate avanti con la stagione 2!). Probabilmente le atmosfere cupe, le situazioni a volte molto morbose e violente e, soprattutto, la confusione temporale della puntata pilota avranno allontanato il pubblico. Verosimilmente Richie Finestra non è il classico protagonista eroe in cui le persone di oggi vogliono identificarsi per cui penso che sia anche questo uno dei motivi del flop, ma ritengo che Vinyl sia comunque una bella serie televisiva dedicata ai nostalgici degli anni’70, a chi ama la buona musica rock, funk, blues (e anche un po’ disco), a chi ama e usa ancora i riproduttori analogici e gli impianti hi-fi (ehm… senza vergogna anche io), a chi preferisce persone che sappiano suonare ancora uno strumento al posto di un computer, a chi vuole capire come funzionano (funzionavano) le case discografiche, a chi vuole conoscere come viveva una parte della società americana degli anni ’70 ovvero sex, drug and rock’n’roll.

Consiglio di vedere la serie TV in lingua originale sottotitolata in italiano. Infine, oserei dire che in Vinyl ci sono ottimi attori (soprattutto quelli che impersonano cantanti e band realmente esistiti e ha un’ottima colonna sonora, con ottimi brani degli anni ’70, ma  tra i quali spicca anche il più recente e danzereccio Kill the lights di Alex Newell con Nile Rodgers. La colonna sonora è contenuta in ben due cd: Vinyl – Musics fron the HBO Original Serie Vol.1Vinyl (the Essential) – Best of Season 1.

 

Questa presentazione richiede JavaScript.

Oggi vi presento le mie ultime compilation adatte all’estate: trattasi di Rock’n’Run e Summer dance 2017. Come potete intuire ho molto tempo a disposizione e siccome non voglio perdermi in un oceano di pensieri che portano sicuramente alla negatività mi viene incontro la creatività, a volte sotto forma di mattoncini LEGO, altre volte sotto forma di brani musicali. Siccome l’estate è anche la stagione in cui frequento molto i parchi cittadini in cui pratico corsa e ginnastica a corpo libero è molto importante avere con sé della buona musica energizzante per sopravvivere all’afa, alle zanzare e alla fatica. Per la prima volta ho utilizzato brani pop-rock per la compilation Rock’n’Run di cui è mia l’ideazione della grafica in copertina. Devo dire che mixare brani rock è abbastanza difficile anche perché mi sembra di capire che non facendo uso di strumenti elettronici che scandiscono un ritmo prestabilito è impossibile non andare fuori tempo anche se poi non ce ne accorgiamo. Quindi i passaggi da un brano all’altro devono essere molto veloci per non incappare in un ritmo sincopato. Molto più facile risulta il mixaggio per i brani dance. Per creare Summer Dance 2017, di cui è sempre mia l’ideazione grafica della copertina, non ho più sfruttato la famosa compilation francese Le son dancefloor edita dall’emittente radiofonica Fun Radio: troppe canzoni “vecchie”, troppo lente e troppo somiglianti le une alle altre. Ho rimediato consultando la classifica dance sul sito http://danceitalia.it e devo dire che è venuta fuori una buona antologia di successi dance estivi. Potete ascoltare le tracce (non mixate) sulle playlist che ho creato su Spotify visitando direttamente la pagina My Virtual DJ Set di questo blog. Buon ascolto e buona estate!


Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 94 follower

Archivi

Categorie

Il blog di Luca C. è stato visitato

  • 91.031 volte
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: