Il Blog di Luca C.

Posts Tagged ‘rumore


Risultati immagini per rumori molesti dai vicini

Sono trascorsi esattamente 4 anni da quando scrissi riguardo i rumori misteriosi che disturbavano il nostro sonno – per chi non avesse letto cliccare qui – ma finalmente siamo giunti alla conclusione e, spero, anche ad una soluzione definitiva perché a tutto c’è un limite. I rumori misteriosi sono ritornati da un po’ di tempo a questa parte, ma mi sono fatto un’idea plausibile sull’origine. Sono lieto di annunciarvi che il rumore misterioso proviene da… – rullo di tamburi – i nostri vicini di piano. Sì, proprio loro, quelli che fumano all’impossibile, quelli che parlano ad un volume esagerato (vi ricordate il padre da me soprannominato “Sub-woofer”?), quelli che hanno il figlio oramai diciottenne cresciuto senza un senso civico, senza un’educazione, senza il rispetto per il prossimo. La mia ipotesi è la seguente: il figlio (da me soprannominato “Aborto” talmente è brutto) si sveglia quasi ogni giorno tra le ore 02.30 e le 02.50 (orario in cui il mio bisogno di minzionare diventa impellente) per accendere il pc e collegarsi ad Internet per giocare on-line chissà con quale altro giocatore e da quale altra parte del mondo. Quasi sicuramente indossa delle cuffie perché sentiamo parlare solo lui. I rumori che percepiamo chiaramente sono dovuti allo spostamento della sedia (rigorosamente trascinata sul pavimento) su cui “Aborto” posa le chiappe, magari per allungarsi a prendere delle bevande o degli snack. Tutto ciò dura fino all’alba, cioè tra le ore 04.30 e le ore 05.00 quando “Aborto” decide di andare a dormire non prima di avere abbassato rumorosamente le tapparelle. Finalmente cala il silenzio. Peccato che alle ore 06.00 mi debba alzare per andare al lavoro! Beh, ci sono altri rumori misteriosi di cui ancora non ho capito l’origine come ad esempio il cicalino della sveglia elettronica che suona ininterrottamente per un’ora (!); circa un anno fa squillava tra le ore 05.00 e le ore 06.00 del mattino. Recentemente l’ho sentita suonare di domenica alle ore 11.00 e un’altra volta alle ore 20.00 (bah?!). Torniamo ad “Aborto” & family e alla goccia che ha fatto traboccare il vaso: causa l’assenza dei genitori, il ragazzo ha pensato bene di invitare alcuni suoi amici con cui cenare ed ubriacarsi. Il mattino dopo siamo rimasti stupefatti dalla quantità (e dall’odore) di vomito sparso lungo la scala, sul mancorrente, sui muri, sul nostro pianerottolo e che cascava dalla tromba delle scale per scendere sul pianerottolo di sotto. Quel vomito è rimasto lì, immagino dalle primissime del mattino fino a quest’ora (12.30) in cui sto scrivendo codesto post. La cosa interessante è che ho visto papà “Sub-woofer” chiacchierare tranquillamente al telefono sul balcone come se tutto questo schifo non riguardasse né lui, né il figlio e i suoi amici. Di questa giornata di inizio autunno posso ricordare una cosa sola: di sicuro è stato rovinato il mio programma di prendere (forse per l’ultima volta quest’anno) la bici che ho in casa per evitare di camminare sul sudiciume rischiando di portarmelo dentro il nostro appartamento. Sono le ore 15.00 di domenica 23 settembre 2018: nulla è cambiato fuori dal nostro alloggio, né cambierà fino a venerdì giorno di pulizia delle parti comuni del condominio. Vi lascio immaginare…

In questo post pettegolerò sui miei vicini di casa, quelli che stanno sopra di noi. Non ho capito se la coppia di cui sto sparlando viva insieme oppure se la donna venga a trovare il suo compagno durante la fine settimana e i prefestivi. Sta di fatto che quando si incontrano ce ne accorgiamo subito perché la donna ride ogni minuto. Non è tanto per dire, ride veramente ogni minuto! Non so che stracazzolina abbia da ridere, ma ride e pure sguaiatamente tipo uahuahuahuà!. Come se non bastasse, capiamo bene che usa spesso scarpe con tacco oppure cammina a piedi scalzi e si muove con la leggerezza di un elefante. La ciliegina sulla torta è quando in tarda serata fanno l’amore, ma forse sarebbe meglio dire sesso sfrenato. E’ ovvio, scritta la premessa, che si sente di più la donna gemere. Ma il meglio deve ancora venire, anzi è avvenuto la notte del primo maggio: intendo dire tra il 30 aprile e il 1° maggio alle ore 1.25 quando un fastidioso rumore continuo di motore ci ha svegliato. Eravamo già in dormiveglia a causa delle risate della donna. Dopo ben mezz’ora e dopo aver messo i tappi alle orecchie non ce l’ho più fatta, mi sono alzato, ho acceso l’abat-jour e ho iniziato a cercare la fonte del rumore: dal balcone che dà sulla strada, a parte il rumore della pioggia, non c’era nessuna auto in sosta con il motore acceso, dal balcone che dà sul cortile era tutto tranquillo; allora ho aperto la porta d’ingresso e dal pianerottolo regnavano il silenzio e il freddo. Si arriva presto alle conclusioni: il rumore arrivava da piano di sopra perché sotto non abbiamo nessuno. Con rammarico ho capito che il rumore fastidioso sembrava quello di una lavatrice in centrifuga! Avranno fatto sesso sulla lavatrice in centrifuga! Dopo ben tre quarti d’ora quando il rumore è cessato, ma la coppia continuava a copulare. A quel punto, ormai sveglio, non mi è rimasto che ascoltarli e cercare di capire come lo facevano e cosa si dicevano. Il massimo è stato quando l’uomo ha chiesto alla donna se le dava fastidio rimanere ancora per un po’ in qualche posizione strana e dopo ha iniziato a spostare una o due sedie e hanno ricominciato la loro performance sessuale. Verso le ore 2.25 il silenzio tornava a regnare e purtroppo è durato solo qualche minuto: la donna ha ricominciato a ridere nel suo modo inconfondibile; ma che c’avrà da ridere durante l’amplesso? Ma non è finita qui: proprio mentre il sonno stava per ri-dominare ecco che ripartiva il rumore della centrifuga, ma questa volta con un volume più basso come se fosse riprodotto da un altoparlante. Allora ho capito che si erano filmati e che si stavano guardando sul video.  Il massimo del massimo quando la donna ha esclamato: “Certo che sei proprio un porco!” e di nuovo a ridere. Alle ore 3.00 circa è finito tutto, ma i vicini hanno deciso di rimettere a posto quello che hanno utilizzato durante l’amplesso dalle sedie e a questo punto penso anche ai cavalletti, alle luci, ai cavi di alimentazione per poi fare una doccia. Durante la notte qualsiasi rumore che durante il giorno non si avverte, si sente come se fosse dentro casa nostra. Finalmente dopo le ore 3.00 siamo riusciti a riaddormentarci consolandoci che il giorno dopo non saremmo andati a lavorare e che avremmo potuto recuperare le ore di sonno perse, anche perché in questo periodo per noi stressante ma euforico nello stesso tempo, ne abbiamo veramente bisogno. Invece no! Alle ore 8.00 in punto la donna si è svegliata e cosa ha fatto? Ebbene sì, amici miei, ha iniziato a ridere e ha continuato per mezz’ora! Stranamente mi è venuta una voglia particolare di primo mattino: ascoltare a tutto volume il concerto degli AC/DC, ma una volta svegli, rincoglioniti ed incazzati ci siamo guardati con facce assonnate e abbiamo deciso di fare colazione con cappuccino e brioche con la Nutella accompagnati dalle arie cantate da Pavarotti. Per ironia della sorte la prima traccia era Nessun dorma.


Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 94 follower

Archivi

Categorie

Il blog di Luca C. è stato visitato

  • 91.169 volte
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: