Il Blog di Luca C.

Posts Tagged ‘oroscopo

oroscopo

Come di consueto a fine anno scrivo il resoconto di quello che è realmente successo facendo il paragone con le previsioni astrologiche di Paolo Fox sul mio segno per il 2016.

AMORE: dal 2015 non ci sono stati grandi cambiamenti anche se l’umore non è sempre stato dei migliori. La mancanza di lavoro e la sfiducia verso il futuro influiscono non poco sulla sfera affettiva. E non solo verso la propria compagna, ma anche verso il prossimo in generale compresi amici e parenti. Di sicuro la svolta lavorativa di inizio anno fatta di molti propositi e poi la mancata realizzazione di qualcosa di concreto hanno contribuito a vivere in fasi alte e basse. Di vacanze neanche l’ombra, ma un piccolo e breve viaggio a fine marzo a Perugia ce lo siamo sicuramente gustati.

LAVORO: è stato molto importante darsi da fare per tutto l’anno, ma di occasioni neanche l’ombra. Anzi sì, mi sembra di averne persa una a giugno e ancora oggi non me la perdono. Un lavoro di call center in-bound per assistenza clienti per prodotti bancari a tempo indeterminato, da lunedì a sabato mattina, con turni ma solo a 20 ore a settimana. Domeniche e festivi a casa. Purtroppo la quantità di ore lavorative e l’incapacità di ragionamento e decisione rapidi mi hanno fregato. E pensare che mi avevano chiamato dal C.P.I., quasi un miracolo! Tutte le altre offerte… Solo fuffa! A ottobre un altro lavoretto che mi ha causato più perdite che guadagni.

FORTUNA: quest’anno è stato dedicato molto tempo alla ricerca di un nuovo lavoro. A gennaio la speranza di avere un anno intero per trovarne uno più decente di quello che avevo. Come ho scritto sopra, forse ho perso un’opportunità importante pe rimettermi in gioco. Ho quasi la sensazione che a partire dal prossimo anno la fortuna si esaurisca sotto forma di termine della mobilità ed ingresso nel favoloso mondo della disoccupazione senza più ammortizzatori sociali. Altro che fiducia! La rabbia e la sfiducia sono alle stelle (per rimanere in tema astrologico).

Devo proprio rispondere alla domanda nel titolo: per me il 2017 sarà un anno difficilissimo, più brutto e faticoso del 2016 e che metterà a dura prova i nervi. A questo punto come non augurarvi un felicissimo 20XVII? Tocchiamo ferro, legno, corni, peperoncini lunghi e gioielli di famiglia, anzi prima i gioielli di famiglia e dopo i peperoncini perché sono piccanti. Evitiamo di farci ancora male, và…

Annunci


Bene, eccoci qui come ogni fine anno a scoprire quanto la previsione per l’anno 2014 relativo al mio segno (scorpione) è stato azzeccata oppure no. Questa volta, dopo tanti video di Paolo Fox condivisi sul mio blog incorporando il codice fornito da Youtube, c’è il video di unabuonaparolapertutti.it. Purtroppo la mamma RAI ha ritenuto opportuno che i video di sua proprietà non venissero condivisi su altri siti internet. Non avendo più la possibilità di confrontare il grafico commenterò le parole della signorina e si inizia male quando esordisce con “2014: un anno in cui tirare un sospiro di sollievo”. A quanto pare Saturno ha fatto in modo che molte situazioni che vagavano nella mia testina e che ho sempre negato sono finalmente emerse. Non so se sia a causa di Saturno, ma in qualche modo sono uscite violentemente nella seconda metà del 2014 dopo che sono state lì dietro l’angolo covate in segreto. Di positivo c’è che ne ho preso atto e le sto analizzando. In ogni modo è uno strumento per conoscersi ancora meglio ed esorcizzare molte mie paure. E che dire di Giove che ho portato sulle spalle e che mi ha fornito energie e opportunità? Nonostante tutto può essere vero: l’energia per sopportare e per non farmi sopraffare dagli eventi faticosi c’è e anche se ogni tanto mi sento fragile solo Dio sa quanta forza ho avuto quest’anno per non farmi sommergere da tonnellate di negatività. E le opportunità? E’ vero, nel 2014 ci sono stati profondi cambiamenti: lavoro, abitudini, famiglia… Anche se visti in negativo, questi cambiamenti ci possono in realtà regalare delle preziose opportunità. Forse alcune le posso già vedere sotto i miei occhi, ma altre invece non ancora. I cambiamenti fanno paura a tutti perché abbiamo paura del nuovo, non conosciamo il futuro, non possiamo prevedere. E per fortuna, se no che gusto ci sarebbe a vivere se sapessimo già tutto? Il problema è come si vivono i nuovi eventi e io normalmente li vivo con ansia e angoscia: so solo io quanti incubi mi hanno assillato di notte. E alla fine tutto quello che non viene espresso, che viene taciuto viene fuori lo stesso con la paura. Quindi meglio affrontare le situazioni e dichiararle. Ci va tempo, fatica e anche dolore. Meglio uscire e uscirne fuori esternando ansie, problemi, insicurezze e pensieri negativi: è avvenuto, appunto, nella seconda metà dell’anno e non nei primi tre mesi dell’anno come dice la signorina. Un nuovo vento è arrivato a spazzare qualcosa nella mia vita, ma come ho detto le tempeste non portano soltanto ulteriori negatività. Ho sempre avuto il supporto di mia moglie e lei il mio, o almeno spero di esserle stato utile. Io, pur essendo uno scorpione, ho la tendenza ad organizzarmi la vita ma ho paura della routine. I cambiamenti di cui ho tanta paura alla fine mi smuovono le energie e mi fanno sentire vivo, ma direi che felicità e serenità nel 2014 non sono state molto presenti. Ricordo alcuni vari cambiamenti importanti: la cassa integrazione, un nuovo lavoro a tempo determinato del quale non nego di avere fatto fatica ad adattarmi e ce l’ho fatta senza l’aiuto di nessuno; ma l’ennesima crisi mi farà di nuovo mettere in cerca di un’altra esperienza lavorativa; vari lutti famigliari, due persone a cui ero legato affettivamente non ci sono più. Una era un punto di riferimento, un faro luminoso di serenità e positività: anche se poco frequentata negli ultimi anni questa persona rappresentava per me tutto ciò. L’altra era la nonna, che spesso mi accudiva quando ero piccolo e che tanto ha sofferto e fatto soffrire: adesso starà in un mondo migliore e libera da tutti i fastidi che aveva e un po’ saranno liberi chi l’ha seguita in tutti questi anni (non vuole essere cattiveria). Insomma, tra maggio e la fine dell’anno i cambiamenti sono stati tanti, importanti e faticosi, ma ho qualche dubbio sul dire che il 2014 sia un anno tutto da festeggiare. In compenso sono riuscito ad ottenere il cambiamento di mansione a lavoro che tanto desideravo e, forse, un nuovo lavoro in arrivo nel 2015, ma soprattutto non ho dubbi che nel 2014 sono stato forte, molto forte, anzi che dico… Un eroe!

Quest’anno non ho trovato su Youtube solo la parte dell’oroscopo dello mio segno, ma tutto il video. Quello dello scorpione lo trovate dal minuto 12’27” al 14’00” e dal 29’04” al 30’07” ed è proprio quest’ultimo pezzo, cioè quello in cui appare il grafico, che ci serve. Bene, bando alle ciance, si comincia: il 2013 è stato un anno importantissimo ed impegnatissimo sul piano psicofisico. Con questo non voglio dire che sia stato un anno negativo, anzi… Ma procediamo con ordine:

scorpione paolo fox

Oroscopo Scorpione 2013: le previsioni di Paolo Fox sono quelle con la linea gialla

AMORE

Come potete vedere, la linea dell’amore a partire da gennaio sale fino ad agosto. I preparativi del matrimonio, tenutosi nel giorno del solstizio d’estate, sono sono stati curati in ogni dettaglio per far in modo che tutto filasse liscio e l’amore ne ha tratto ulteriori vantaggi. Lavorare in coppia per questo progetto è stato molto divertente anche se impegnativo dal punto di vista psichico: tra gennaio e febbraio (se ricordo bene) la lunga degenza in ospedale della suocera e da aprile l’incubo onnipresente di una eventuale perdita di lavoro di entrambi. Ma posso dirlo con orgoglio che ce l’abbiamo fatta! Infine ci siamo goduti il viaggio di nozze negli Stati Uniti d’America. Da fine settembre il mio solito umore altalenante e le mie seghe mentali si sono intromessi alterando il mio benessere psichico ed infine ho capito che io sono fatto così con tante paranoie, ma anche tante energie che si smuovono e che devo rendere libere di esprimersi. Sembra una cosa scontata, ma il matrimonio non deve essere preso come un punto di arrivo, ma un punto dal quale partire per nuove esperienze altrimenti la coppia rischia di “impatofolarsi” citando le parole del mio insegnate di bio-energetica. Il matrimonio va visto come un’esplosione in cui ci si mettono tutte le nostre energie e le nostre aspettative migliori per realizzarlo, ma una volta accesa la fiamma bisogna mantenerla e non farla spegnere. Forse, complice anche l’insoddisfazione lavorativa, sono entrato nuovamente nel tunnel delle negatività con sentimenti di nostalgia verso quello che di bello mi ha regalato l’estate e che non mi posso più rivivere con conseguente malinconia e spossatezza. Capito questo si possono ritrovare le forze che abbiamo sempre avuto e che si sono temporaneamente assopite per riprendere i progetti con l’entusiasmo di sempre. In anteprima vi rivelo che dovremmo a breve impegnarci in un nuova esperienza di vita: la ricerca di un’appartamento un po’ più grande in previsione di un futuro allargamento della famiglia.

LAVORO

Scriverei un bel no comment, ma fatto sta che la situazione lavorativa nel 2013 ha subìto un peggioramento già da gennaio con la notizia della vendita dell’azienda multinazionale per la quale lavoro. Per mesi l’incertezza e l’incubo di perdere il lavoro in una situazione economica gravissima. Inutili i tentativi di inviare curriculum a destra e a manca con la speranza di fare almeno un colloquio. Infine la chiusura delle serrande per ritardi burocratici e la cassa integrazione a zero ore. Ammetto che stare qualche settimana a casa mi ha fatto bene soprattutto per concludere nei migliori dei modi l’organizzazione del matrimonio, ma anche per uscire da quel clima di negatività che è venuto a crearsi sul luogo di lavoro. Purtroppo, però, stare a casa in cassa integrazione non è proprio una vacanza e l’incertezza del futuro inizia a pesare come un spada di Damocle. Per fortuna subito dopo il viaggio di nozze sono stato richiamato a lavoro: si riparte, a fatica, ma si riparte. L’entusiasmo non è alle stelle, ma è meglio che niente. L’insoddisfazione molte volte deriva dal fatto di non aver potuto imparare in passato quello che mi sarebbe veramente piaciuto. Magari sarei stato nelle stesse situazioni di cui sopra, ma con almeno la soddisfazione di aver fatto quello che avrei voluto fare. Ma non posso continuare a rivangare il passato, oramai è passato. Conviene guardare in avanti e capire cosa posso fare e trovare con le qualità e gli interessi che ho adesso e se non è possibile applicarli a lavoro, farli diventare un interessante hobby. Non si sa mai cosa riserva il futuro, intanto bisogna attivarsi e non rimanere fermi a rimuginare quel che non può più tornare. Questo mi ha insegnato che quando sarà il momento saranno miei figli di decidere gli studi da intraprendere senza alcuna forzatura. Spero di riuscire nell’intento. Aggiungo un’ultimo pensiero: capisco la situazione economica, ma tutte le lotte che hanno fatto le generazioni prima della nostra per ottenere giusti diritti e doveri sono state gettate nel cesso?

FORTUNA

Il tema della fortuna nel 2013 ha un suo peso notevole: anche se sto di nuovo attraversando una profonda fase di passaggio (si tratta di sfortuna?) ho avuto la fortuna di essermi sposato con tranquillità, la fortuna di avere fatto una vacanza in terre lontane con culture diverse, la fortuna di avere ancora un lavoro, la fortuna di avere rischiato la perdita del posto di lavoro e domandarsi cosa so fare? quali sono i miei interessi? Come posso sfruttarli nel lavoro?, la fortuna di avere dei genitori sempre vicini al momento del bisogno, la fortuna di avere una sorella che con pazienza mi ascolta e mi consiglia, la fortuna di avere degli “aiuti” esterni alla famiglia, la fortuna di non essere completamente solo anche se i rapporti con gli amici sono sempre diradati, la fortuna di avere una palla di pelo nero che gira per casa, la fortuna di farcela economicamente ad arrivare a fine mese, la fortuna di cadere e rialzarmi un po’ più forte, la fortuna di entrare in crisi, capire cosa c’è dietro e di uscirne, la fortuna di avere un tetto sotto la testa, la fortuna di sapere che ogni sera ad aspettarmi a casa c’è lei, la fortuna di svegliarmi con lei, la fortuna di avere una moglie intelligente, curiosa, sapiente e tanto paziente quando sono nei miei momenti grigi, la fortuna di avere una moglie che mi ama e che spero di ricambiare in ugual misura. Cos’altro volete dalla vita? Magari un 2014 in cui tutti siano onesti, giusti, corretti, un po’ più altruisti e meno ladri, più gentili, più colti, più sereni, più felici… Buon 2014!

Nel mezzo del cammin di nostra vita mi ritrovai per una selva oscura ché la diritta via era smarrita. Potrei iniziare così questo post di fine anno. Il 2012 è stato abbastanza stressante, in balia di novità e di sensazioni non sempre piacevoli, ma già da fine settembre un rapido recupero ha ristabilito le giuste energie. E poi diciamolo, il 2012 non è stato tutto all’insegna della negatività! Come sempre, alla fine del post c’è il grafico di come sono andate effettivamente le cose.

AMORE:

L’amore c’è, anche se… Ho avuto paura, lo ammetto. Da maggio in seguito all’importante decisione di sposarci (io ne sono convinto) e a noiose pressioni legate alla novità dell’anno sono entrato in un turbinio di sentimenti e pensieri negativi. E’ anche vero che ogni cambiamento importante lo vivo con ansia. Da fine settembre, dopo la splendida vacanza a Lisbona, ho avuto un rapido recupero del buon umore e le energie positive scorrono di nuovo nel sangue. Bene, si va avanti con i progetti!

LAVORO:

Le previsioni nefaste si sono purtroppo enfatizzate a metà gennaio con una grave situazione di instabilità aziendale. Ovviamente siamo corsi subito ai ripari, ma invano: contratti a tempo determinato, part-time, ovviamente con periodo di prova, stage e, soprattutto, nessuna risposta. A fine novembre la notizia dell’acquisto dell’azienda da parte di un fondo finanziario ha aperto uno spiraglio di speranza, ma ancora non si sa quali saranno i progetti futuri. Inizia a pesare questa spada di Damocle.

FORTUNA:

Si può parlare di fortuna con quanto scritto sopra? Se pensiamo che dal male possono nascere nuovi stimoli per migliorarsi, direi di sì. Ma io parlo di fortuna  anche quando parlo di amicizie (chi trova un amico, trova un tesoro. Chi trova un tesoro è fortunato!). Mi sembra che in questo periodo si siano allentati i rapporti senza un apparente motivo, ma non voglio incolpare nessuno perché anche io mi sono assentato negli ultimi tempi, ma sento molto la mancanza di non avere più un amico di riferimento. Forse stiamo attraversando tutti un periodo di cambiamenti importanti e le nostre energie smosse non sono ancora del tutto equalizzate e chetate, ma sono indirizzate verso altri obiettivi a noi cari. Per il resto, sto facendo scorrere le acque, ogni tanto agitate, sulle quali galleggio, ma non annego. Voglio essere ottimista inserendo nel grafico una risalita nel mese di dicembre. Manca qualcosa? Ah, sì: buon 2013, alla faccia dei Maya!

Buon 2013 a tutti!

Oroscopo Scorpione 2012

(Aggiornato il 1° gennaio 2013)

A fine anno è diventato un classico commentare le previsioni di Paolo Fox e fare un confronto con quello che è realmente avvenuto. Dopo avere ascoltato e visto il video vediamo insieme cosa è successo veramente nel 2011 per poi confrontare con il grafico al fondo del post:

AMORE

Béh, che dire? L’Amore c’è e mi ha supportato e sopportato soprattutto nei primi quattro mesi dell’anno durante i quali cercavo di capire e di risolvere alcuni cavilli personali che hanno influito negativamente anche nel settore lavorativo, ma per fortuna me la sono cavata anche questa volta. In amore i mesi migliori sono stati, come è ovvio, quelli delle vancanze: ricordo Praga, le Cinque Terre, il Gargano (aprile, giugno e settembre): è stupendo poter organizzare viaggi ed eventi (ricordo la Mostra Pixar, il concerto di Caparezza, …) con la mia metà, e ne sono già in progetto altri per il 2012. In questo periodo ho alcuni pensieri ricorrenti, che non dovrebbero intaccare la vita sentimentale e sono convinto che non sarà così perché sto ci sto lavorando seriamente e sto ottenendo notevoli risultati, per il bene mio e della coppia. Dicono che sono forte e coraggioso e finalmente me ne sto rendendo un po’ conto. In conclusione sono sereno riguardo alla mia vita sentimentale.

LAVORO

In questo grave momento di crisi economica mi sembra che tutto intorno a me sia tristemente grigio. Tutti i settori lavorativi, non solo il mio, sono coinvolti in questo momento storico e lo si può capire dal nervosismo che persiste nei luoghi di lavoro. Come dice sempre mio papà, adesso conviene abbassare la testa, accettare tutto e stare zitti. Certo è che la situazione è molto delicata e preoccupante. Suppongo che i “superiori” abbiano una responsabilità non indifferente, che io, quasi sicuramente, non sarei in grado di fronteggiare, ma mi chiedo solamente se certi atteggiamenti aggressivi, a partire dai piani alti, servano a produrre qualcosa di buono e producente. Sinceramente avverto frustrazione e paura. La vedo nera. Chi vivrà vedrà. Il mese peggiore per il lavoro è stato maggio, ma i momenti destabilizzanti erano partiti già da fine gennaio. Situazioni avverse a metà settembre e da fine novembre.

FORTUNA

La fortuna è sempre una parola molto generica, e tra i vari argomenti quello che mi ha creato un senso di confusione è quello delle amicizie, dopo la morte di mio nonno a fine settembre. Un altra situazione che mi preoccupa dopo tale periodo (e lo dicono i sogni) non sono strettamente personali, ma riguardano persone a me molto vicine. Intanto, mentre aspetto le conseguenze di tutto ciò, le amicizie sono quelle che più mi mancano. Sicuramente è un problema che avverto io. Alcune persone in questo periodo hanno problemi ed urgenze più importanti e li capisco. A loro dedico affettuosamente i miei migliori e calorosi auguri. Invece, alcuni amici li considero un tantino pigri e privi di iniziativa. Ormai sono mesi che le uscite si sono ridotte, nonostante io cerchi di organizzare qualche incontro. E’ molto probabile gli altri non ne siano consapevoli o semplicemente per loro va bene così. Nonostante tutto, vi auguro un buon 2012!

 


Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 185 follower

Archivi

Categorie

Il blog di Luca C. è stato visitato

  • 67,376 volte
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: