Il Blog di Luca C.

Archivio dell'autore

Remixland 2K17 - front

Avendo molto tempo, ahimè, a disposizione mi diletto a fare qualcosa di creativo (perché ne ho bisogno e lo consiglio pure a voi come metodo anti stress). Tra i miei molteplici hobbies c’è spazio anche per la musica dance. Mi diverto a cercare e ascoltare gli ultimi successi sul sito https://www.danceitalia.it/classifica-dance/ per poi selezionarli e inserirli nelle mie compilation mixate con il mio, ormai, fedele mixerino Hercules. Vi voglio raccontare come svolgo questo simpatico passatempo: una volta selezionate le tracce che mi piacciono di più le aggiungo nella lista dei brani da mixare con il software DJuced 18. Di solito ho l’abitudine di metterle in ordine di BPM (battiti per minuti) dal più basso al più alto. A quel punto basta avviare le prime due canzoni e cercare di capire che cosa hanno in comune per effettuare al meglio il mixaggio. Quando ho deciso a che punto staccare il primo brano per inserire il secondo, il tipo di effetto e la durata della miscelazione, se sono soddisfatto, mi scrivo tutto su un foglio in modo da ripetere gli stessi mixaggi in fase di registrazione. Alcune volte, anche se mi sono segnato tutto, mi capita di sbagliare. Allora i casi sono due: registrare tutto da capo oppure continuare da dove ho sbagliato ed effettuare in seguito un montaggio audio (cosa non sempre semplice). Quando nessuno mi mette fretta, non ho impegni di nessun tipo, non suonano al citofono, non squilla il telefono, non ho urgenze fisiologiche, eccetera eccetera, spesso riesco a creare la compilation in un colpo solo. La tempistica, normalmente, è di circa due o tre giorni compresa l’ideazione della copertina che nasce dalle sensazioni che mi creano i brani che ascolto. In quest’ultima esperienza ho scelto di inserire molti remix. Subito il pensiero è andato ai mixer da cucina, da lì ai frullati di frutta e verdura che solitamente sono rinvigorenti ed energizzanti. L’ultima copertina è nata così, con una semplice ricerca di immagini su Google e un facile fotomontaggio. Il titolo forse non è proprio originale (Remixland era una compilation pubblicata agli inizi del 1994 – di seguito la copertina ),  ma rende molto bene l’idea così come l’immagine.

Remixland 2K17 è nata così e potete ascoltarla (rispettando i diritti d’autore) andando subito nella sezione My DJ Set di questo blog.

Per info:

Risultati immagini per mixcloud Ascolta le mie compilation

Risultati immagini per spotify Ascolta le mie playlist (tracce non mixate)

 

Remixland Compilation 1994

 

Annunci

Il mio progetto dedicato alla serie LEGO® Architecture – Torino, Italia ha bisogno dei VOSTRI voti. C’è bisogno di ben 10000 (diecimila) voti per far sì che l’azienda danese prenda in considerazione il progetto e lo produca su larga scala. Se anche voi, come me, amate Torino e i LEGO o, semplicemente, volete che un po’ di Italia sia rappresentata con i famosi mattoncini vi invito a votare e diffondere! Grazie.

Risultati immagini per lego ideas logo https://ideas.lego.com/projects/2c17aaec-223f-41f7-9956-55006dae162c

Risultati immagini per facebook logo https://www.facebook.com/mybrickexperience

Wanted supporters for

Ehi, ho bisogno almeno di un motivo che mi faccia stare bene
Sono stufo dei drammi in tele, delle lamentele, delle star in depre
Del nero lutto di chi non ha niente a parte avere tutto
Delle sere chiuso per la serie culto, della serie
Chiudo e siamo assieme punto
Soffiano venti caldi
Siamo rimasti in venti calmi
E sono tempi pazzi
Fricchettoni con i piedi scalzi che diventano ferventi Nazi
Fanno i G8 nei bar, col biscotto e il Cherry Muffin
Sono esilaranti nel ruolo di piedipiatti Eddie Murphy
Scusa non dormo, sulla mia Glock 17
Sognando corpi che avvolgo come uno stock di cassette
Ora che mi fido di te come di chi fa autostop in manette
Scelgo un coro come Mariele Ventre che mi faccia star bene
Sempre!
Con le mani sporche, con le macchie nere
Vola sulle scope come fan le streghe
Devi fare ciò che ti fa stare
Devi fare ciò che ti fa stare bene
Soffia nelle bolle con le guance piene
E disegna smorfie sulle facce serie
Devi fare ciò che ti fa stare
Devi fare ciò che ti fa stare bene
Ehi, ho bisogno almeno di un motivo che mi tiri su il morale
Prima che la rabbia mi strozzi mentre premo sul collare
Pare che il brutto male nasca spontaneo da un conflitto irrisolto
Vadano a dirlo a chi ha raccolto l’uranio dal conflitto in Kosovo
Chi se ne sbatte di diete famose, di strisce nel cielo e di banche
Non vedo più ombre se accendo il mio cero al debunker
Non faccio come il tuo capo coperto di bende come Tutankhamon
Non vivo la crisi di mezza età dove dimezza va tutto attaccato
Voglio essere superato come una Bianchina dalla super auto
Come la cantina dal tuo super attico
Come la mia rima quando fugge l’attimo
Sono tutti in gara e rallento
Fino a stare fuori dal tempo
Superare il concetto stesso di superamento mi fa stare bene
Con le mani sporche, fai le macchie nere
Vola sulle scope come fan le streghe
Devi fare ciò che ti fa stare
Devi fare ciò che ti fa stare bene
Soffia nelle bolle con le guance piene
E disegna smorfie sulle facce serie
Devi fare ciò che ti fa stare
Devi fare ciò che ti fa stare bene
Vuoi stare bene? Stare bene
Vuoi stare bene? Stare bene
Vuoi stare bene? Stare bene
Vuoi stare bene? Stare bene
Risparmiare metà della fatica?
Cancellare metà della rubrica?
Respirare soltanto aria pulita?
Camminare verso la via d’uscita?
Mi farà stare bene!
Devi fare ciò che ti fa stare bene
Devi fare ciò che ti fa stare, ciò che ti fa stare
Ciò che ti fa stare bene
Mi farà stare bene
Canto di draghi, di saldi, di fughe più che di cliché
(Mi farà stare bene)
Snobbo le firme perché faccio musica non defilè
(Mi farà stare bene)
Sono l’evaso dal ruolo ingabbiato di artista engagé
(Mi farà stare bene)
Questa canzone è un po’ troppo da radio sticazzi finchè
(Mi farà stare bene)

(Caparezza, Ti fa stare benePrisoner 709, 2017)

Questo slideshow richiede JavaScript.

Votate il progetto cliccando su https://ideas.lego.com/projects/2c17aaec-223f-41f7-9956-55006dae162c

Due settimane fa ho scritto su queste pagine virtuali riguardo la pubblicazione del mio nuovo progetto LEGO® Architecture dedicato a Torino, la mia città. Mentre progettavo con LDD (LEGO® Digital Designer) pensavo all’eventuale fascicolo in cui vengono illustrati e descritti i monumenti riprodotti e alla presentazione del set sulla scatola. Per avere un’idea precisa delle misure del set, del booklet e della scatola ho consultato le istruzioni di montaggio degli altri prodotti della serie medesima scoprendo, così, che in alcuni fascicoletti informativi erano presenti anche delle citazioni di poeti o scrittori. La prima frase che mi è venuta in mente è stata il titolo del secondo libro di Giuseppe Culicchia dedicato a Torino, ovvero Torino è casa nostra che fu pubblicato qualche anno dopo Torino è casa mia. Grazie alle XX Olimpiadi invernali del 2006 Torino è diventata più bella, più turistica e di tutti. Quale frase migliore se non il titolo del libro? Così ho aggiunto la citazione alle descrizioni. La voglia di osare di più mi ha spinto, dopo la pubblicazione del progetto sul sito LEGO Ideas, a contattare Giuseppe Culicchia informandolo che l’avevo citato nel mio progetto. Questi ha trovato l’idea affascinante e, dopo aver chiesto alla redazione de La Stampa (il quotidiano nazionale di Torino) se fosse interessata ad un articolo in merito, mi ha intervistato telefonicamente. L’articolo è stato pubblicato sul numero di venerdì 15 settembre. Non avrei mai sospettato che mi fossero dedicati mezza pagina, il titolo in prima pagina e sulla cartellonistica davanti alle edicole! Quella mattina è stato un susseguirsi di avvisi di “mi piace” sullo smartphone, richieste di amicizia su Facebook, chiamate telefoniche insistenti di radio GRP (FM 99.30 a Torino) nonostante l’opzione non disturbare (purtroppo non ho potuto dedicare loro tempo alla diretta) e una richiesta su FB di una mini intervista su Radio Numer One (FM 104,20 a Torino – andata in onda sabato 23 settembre 2017 grazie all’interesse di Katia De Rossi). Nel giro di poche ore il progetto ha ricevuto più di 500 voti! La notizia è diventata virale. Non avrei mai pensato che un articolo sul mio progetto pubblicato su uno dei quotidiani più importanti d’Italia fosse preso così tanto in considerazione! Speriamo che si continui di questo passo: l’obiettivo è raggiungere 10000 voti per fare in modo che l’azienda danese prenda in considerazione l’idea di produrre il set in larga scala. Sarebbe un sogno realizzato. Se voi che leggete queste righe vi siete incuriositi, vi prego di contribuire ad aumentare i voti. Grazie veramente a tutti!

Il progetto LEGO® Architecture Torino è pubblicato su https://ideas.lego.com/projects/2c17aaec-223f-41f7-9956-55006dae162c

oppure fotografa il QR Code static_qr_code_without_logo

L’articolo è pubblicato anche on-line su http://www.lastampa.it/2017/09/15/italia/cronache/il-precario-che-ha-progettato-la-torino-di-mattoncini-lego-bibCqfxr9nH3mXDCTcyfEO/pagina.html

Per ascoltare l’intervista

Seguitemi anche sulla pagina Facebook https://www.facebook.com/mybrickexperience/

Finalmente tutte le mie compilation dance sono disponibili* per tutti su

mixcloud.com

Ascoltatemi (cliccate sulle copertine qui sotto) e seguitemi in attesa della compilation autunnale.

ScansioneFolderSummer 2016 Compilation - FolderSummer 2016 Compilation Part - FolderfrontScansioneSpring 2017 Compilation - FrontFrontFrontLuca DJ CD

*Nel rispetto dei diritti d’autore

Ulteriori info su:

Risultati immagini per mixcloud logoascolta le compilation (brani mixati)
Risultati immagini per spotifyascolta le playlist (brani non mixati)
Risultati immagini per virtual dj consulta i  DJ set
Risultati immagini per WORDPRESS LOGOtieniti sempre aggiornato sui miei DJ set

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 182 follower

Archivi

Categorie

Il blog di Luca C. è stato visitato

  • 66,123 volte
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: