Il Blog di Luca C.

Archivio dell'autore

Risultati immagini per officina della scrittura

Ogni tanto ritorna questa rubrica dedicata alle belle scoperte culturali in città. Pur vivendoci da quarantadue anni Torino ci riserva sempre delle sorprese anche in estrema periferia. Per chi non lo sapesse, al confine tra Torino e Settimo Torinese vi è l’Abbadia (Abbazia) di Stura una volta convento, ospedale e punto di sosta per i viandanti. In seguito fu lasciata al completo abbandono ed intorno ad essa sorsero fabbriche e aziende manifatturiere. Chiaramente non una zona per turisti, ma all’interno della zona industriale c’è una ditta famosa a Torino e nel mondo: si tratta dell’Aurora, specializzata in penne stilografiche (chi non si ricorda la mitica Auretta utilizzata alle elementari e alle medie?). Ovviamente oggi il mercato, le abitudini, la società sono cambiati e Aurora è ancora in piedi producendo principalmente penne stilografiche di “fascia alta” e per collezionisti. La cosa interessante è che all’interno della ditta è stato creato il museo Officina della Scrittura con un percorso multimediale ed emozionante tra storia e tecnologia (per gli amanti dei mattoncini LEGO® c’è anche un plastico dell’intera fabbrica). Ciò che più affascina è la possibilità di scoprire (con visita guidata) l’interno della fabbrica e i vari passaggi (perlopiù artigianali) che servono a far nascere le famose penne stilografiche ed, infine, potete provare a scrivere con alcune di esse. Non sottovalutate quest’ultima fase; non è così semplice scrivere la stilografica: ogni pennino permette uno stile di scrittura diverso, quindi serviranno una presa, un’inclinazione e una pressione differenti da penna a penna (provare per credere!). Vengono organizzati anche corsi di scrittura. Per rendere la visita ancor più gradevole all’interno della struttura vi è  anche un bar/ristorante/libreria, qualora vi venisse fame o voleste regalarvi una penna (anche personalizzata). Chissà che il Comune di Torino e i proprietari dell’ex convento non decidano di riqualificare l’area: sarebbe una bella opportunità eliminare il degrado intorno, creare posti di lavoro e portare un po’ di turismo anche in periferia.

Per info:

http://www.officinadellascrittura.it/

http://www.aurorapen.it/

Annunci

Il riassunto: Chi non conosce Bebe Vio la famosa schermista italiana che ha partecipato alle Paralimpiadi di Rio 2016? L’atleta ha voluto raccontarsi in un libro scritto di getto, quindi vero e autentico, sulla sua vita privata e pubblica, sulla sua determinazione a rialzarsi dopo la meningite che la colpì da bambina, a coltivare la passione dello scherma, a ottenere la convocazione a Rio, a vincere, a vivere… Soprattutto vuole lanciare ai lettori un messaggio importante: mai arrendersi difronte a ciò che sembra impossibile da raggiungere se ci crediamo veramente.

Il mio giudizio personale: A molti potrebbe sembrare il classico libro “commerciale” scritto da una persona famosa al momento del successo e quindi molto appetibile al pubblico, ma invece direi che bisognerebbe leggerlo per il messaggio positivo e di speranza che veicola. Nonostante le difficoltà c’è sempre un metodo per superarle, se solo lo volessimo, se solo imparassimo a guardare da un’angolazione diversa, se solo fossimo determinati, positivi e con un po’ di autoironia. La positività porta altra positività e il futuro ci potrebbe riservare delle belle sorprese (molto divertente il capitolo sull’incontro con il presidente Obama). Sembra scontato, ma non è così. Bebe Vio ha scritto un libro che tutti dovremmo leggere, soprattutto in questo momento di grande sconforto, insicurezza e paura.

La citazione: Mettetela così: in un certo senso, tutti hanno le proprie disabilità. […] Allora scegliete di essere solari e cominciate a cambiare il vostro punto di vista su quello che vi succede. Non domandatevi: perché è successo proprio a me? Chiedetevi: cosa posso fare per ricominciare da qui?


Risultati immagini per rumori molesti dai vicini

Sono trascorsi esattamente 4 anni da quando scrissi riguardo i rumori misteriosi che disturbavano il nostro sonno – per chi non avesse letto cliccare qui – ma finalmente siamo giunti alla conclusione e, spero, anche ad una soluzione definitiva perché a tutto c’è un limite. I rumori misteriosi sono ritornati da un po’ di tempo a questa parte, ma mi sono fatto un’idea plausibile sull’origine. Sono lieto di annunciarvi che il rumore misterioso proviene da… – rullo di tamburi – i nostri vicini di piano. Sì, proprio loro, quelli che fumano all’impossibile, quelli che parlano ad un volume esagerato (vi ricordate il padre da me soprannominato “Sub-woofer”?), quelli che hanno il figlio oramai diciottenne cresciuto senza un senso civico, senza un’educazione, senza il rispetto per il prossimo. La mia ipotesi è la seguente: il figlio (da me soprannominato “Aborto” talmente è brutto) si sveglia quasi ogni giorno tra le ore 02.30 e le 02.50 (orario in cui il mio bisogno di minzionare diventa impellente) per accendere il pc e collegarsi ad Internet per giocare on-line chissà con quale altro giocatore e da quale altra parte del mondo. Quasi sicuramente indossa delle cuffie perché sentiamo parlare solo lui. I rumori che percepiamo chiaramente sono dovuti allo spostamento della sedia (rigorosamente trascinata sul pavimento) su cui “Aborto” posa le chiappe, magari per allungarsi a prendere delle bevande o degli snack. Tutto ciò dura fino all’alba, cioè tra le ore 04.30 e le ore 05.00 quando “Aborto” decide di andare a dormire non prima di avere abbassato rumorosamente le tapparelle. Finalmente cala il silenzio. Peccato che alle ore 06.00 mi debba alzare per andare al lavoro! Beh, ci sono altri rumori misteriosi di cui ancora non ho capito l’origine come ad esempio il cicalino della sveglia elettronica che suona ininterrottamente per un’ora (!); circa un anno fa squillava tra le ore 05.00 e le ore 06.00 del mattino. Recentemente l’ho sentita suonare di domenica alle ore 11.00 e un’altra volta alle ore 20.00 (bah?!). Torniamo ad “Aborto” & family e alla goccia che ha fatto traboccare il vaso: causa l’assenza dei genitori, il ragazzo ha pensato bene di invitare alcuni suoi amici con cui cenare ed ubriacarsi. Il mattino dopo siamo rimasti stupefatti dalla quantità (e dall’odore) di vomito sparso lungo la scala, sul mancorrente, sui muri, sul nostro pianerottolo e che cascava dalla tromba delle scale per scendere sul pianerottolo di sotto. Quel vomito è rimasto lì, immagino dalle primissime del mattino fino a quest’ora (12.30) in cui sto scrivendo codesto post. La cosa interessante è che ho visto papà “Sub-woofer” chiacchierare tranquillamente al telefono sul balcone come se tutto questo schifo non riguardasse né lui, né il figlio e i suoi amici. Di questa giornata di inizio autunno posso ricordare una cosa sola: di sicuro è stato rovinato il mio programma di prendere (forse per l’ultima volta quest’anno) la bici che ho in casa per evitare di camminare sul sudiciume rischiando di portarmelo dentro il nostro appartamento. Sono le ore 15.00 di domenica 23 settembre 2018: nulla è cambiato fuori dal nostro alloggio, né cambierà fino a venerdì giorno di pulizia delle parti comuni del condominio. Vi lascio immaginare…

sangresal_OK_COVER ALBUM

Tra le numerosissime uscite di cd, dvd, blu-ray, mp3 da scaricare dai vari negozi digitali è diventato difficile districarsi (almeno per me) per cercare qualcosa di buono che non sia la solita canzone super-hit che passano alla radio o uscita da chissà quale talent-show. Smistando qua e là, però, si può incappare in qualche tesoro. Questa volta si tratta dei Radiodervish, un gruppo che già conoscevo, ma di cui non mi ero più informato sui loro ultimi lavori. Il Sangre e il Sal è un bellissimo disco in cui si raccontano le storie odierne dei popoli che vivono intorno al Mar Mediterraneo. Un Mediterraneo fatto da persone, non da nazioni, al fine di raccogliere il senso umano della bellezza e della civiltà quotidiana composta da gesti semplici come quello del contadino che con amore consapevole e sforzo coltiva la sua vigna o il suo oliveto o come quello del sindaco coraggioso che antepone i valori della bellezza e della giustizia alla sua stessa vita. Gesti naturali ma allo stesso tempo epici, che implicano fatica […]. Il mare, gli echi della guerra, i check point, il vento, le onde e i suoni della natura fanno da sfondo a queste vicende umane cariche di antichi valori universali, un panorama che a tratti diventa paesaggio sonoro e che si intreccia con la musica. (tratto da http://www.radiodervish.com/album/radiodervish-2017) Molti brani sono cantati principalmente in italiano, altri in francese, greco e arabo e hanno fatto da colonna sonora allo spettacolo teatrale di Pino Petruzzelli, immagino, dal titolo omonimo e che non ho avuto la fortuna di assistere. Chissà, magari più in là… Vi terrò informati. Intanto vi invito ad ascoltate Il Sangre e il Sal.

Per info: http://www.radiodervish.com/

 

Vi accompagniamo noi è un video ideato e realizzato da Paolo Vinai e il mio amico ed ex-collega Flavio Sasso. Grazie alla collaborazione di alcuni volontari al turismo della città di Torino e, immagino, alle varie autorizzazioni, è stato possibile creare questo cortometraggio che ha l’intento di promuovere ciò che è possibile visitare ed ammirare nella nostra città iniziando dai musei frequentati dai viaggiatori di Costa Crociere ovvero partendo dalla Mole Antonelliana e il Museo del cinema, il Museo Egizio per poi spostarsi verso la periferia (Museo della Juventus) giungendo alla prima cintura (Reggia di Venaria Reale). In venti minuti di video Vi accompagniamo noi, con il suo montaggio ben fatto e un’ottima colonna sonora, raggiunge il suo scopo: promuovere la città metropolitana di Torino stimolando la curiosità di potenziali turisti e omaggiare tutti i volontari che ogni giorno aiutano a renderla accogliente e interessante. BRAVI!

Per info: https://www.youtube.com/channel/UCsbt4vEeOn0IsHLdM-8v-0w


Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 79 follower

Archivi

Categorie

Il blog di Luca C. è stato visitato

  • 77.902 volte
Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: