Il Blog di Luca C.

Archivio dell'autore

Legames.jpg

Con un bel po’ di ritardo vi presento il prototipo del mio progetto dedicato alla serie Architecture. Lo skyline di Torino si andrebbe ad aggiungere a quelli già esistenti ovvero Shanghai, Chicago, Sidney, Londra, New York, Berlino e Venezia. Come dicevo si tratta appunto di un prototipo: alcuni pezzi attualmente non sono in commercio, ma posso ritenermi comunque soddisfatto. Non sto a raccontarvi tutto perché l’ho già fatto in altri precedenti post (se volete cercateli utilizzando il motore di ricerca del blog). Vorrei invece invitarvi a fare un salto nel negozio Legames di Corso Siracusa 66/b a Torino dove lo staff ha accettato di esporre in vetrina LEGO® Architecture di Torino. Ovviamente mi piacerebbe ottenere altri voti sul sito LEGO Ideas dove è postato il progetto. Vi ricordo inoltre che ho bisogno di 10000 voti per la produzione su larga scala. Conto su tutti i torinesi e tutti i turisti presenti nella mia città sperando che il mio sogno si avveri entro le Olimpiadi invernali di Torino Milano Cortina 2026 (sempre che si mettano d’accordo). Intanto seguite anche le news sulla mia pagina Facebook Mybrickexperience

Per votare usate il codice QR oppure collegatevi a https://ideas.lego.com/projects/2c17aaec-223f-41f7-9956-55006dae162c

Annunci

Non è estate senza una compilation dance con le hit del momento!

Cosa aspettate ad ascoltare il mio nuovo mix?

BAD BOY COMPILATION SUMMER 2K18 è disponibile su

Risultati immagini per mixcloud icon unica traccia con i brani mixati

Immagine correlata sezione del blog dedicata ai miei DJ set

Risultati immagini per spotify icon playlist con brani non mixati

Buon ascolto!


Risultati immagini per marwa loud loud

Ma ci sono ancora i tormentoni estivi? In questo marasma di brani trasmessi in radio io non riesco ad indentificarne uno semplicemente perché non mi fanno emozionare, o forse sì uno l’ho trovato, ma bisogna ritornare in Francia. Ultimamente i cugini francesi sono abbastanza presenti sulle pagine di questo blog. Quando a inizio luglio ho ascoltato per la prima volta la canzone in questione sono stato colpito dalle prime note anche se sul momento non ne comprendevo il testo. Sto parlando di Marwa Loud una cantante francese di 22 anni di origine marocchina che sta spopolando in Francia, in Belgio, in Olanda ed in Svizzera con il suo nuovo singolo Bad Boy, un brano electro rap hip-hop edm, insomma, chiamatelo come volete il genere che va di moda in questi anni tra il pubblico più giovane. Dopo molti singoli pubblicati nel 2017 che l’hanno resa famosa e le hanno fatto vincere due dischi d’oro, Bad Boy è il nuovo brano contenuto nel cd d’esordio di Marwa Loud intitolato semplicemente Loud. Si può dire che Bad Boy non abbia un testo proprio allegro, anzi si parla di disagio giovanile come si può comprendere anche dal video, ma forse un po’ di speranza c’è: J’essaye de faire le vide, de souvent sourire, de faire le tri (sto cercando si svuotare, di sorridere spesso, di fare ordine). Avete ragione, non si tratta proprio di un single prettamente estivo e spensierato, ma stiamo attraversando un periodo storico turbolento che influenza anche le musiche e i testi delle canzoni. Probabilmente Bad Boy oltrepasserà i confini francofoni per approdare anche in Italia, sempre che non l’abbia fatto senza che io me ne sia accorto. E se non fosse per questa estate, sarà una hit l’autunno prossimo? Intanto ascoltate e guardate il video. Che ne pensate?

Per info:

https://it-it.facebook.com/Marwaloud/

Risultati immagini per lunathica logo

Lo so, è passato un po’ di tempo, ma voglio parlarne lo stesso perché questo evento per noi è stata una bella scoperta quasi casuale. Lunathica è un festival, anzi il festival internazionale di teatro di strada alla sua XVII edizione. Ben diciassette edizioni e non ce ne siamo mai accorti: vabbè, va detto che gli eventi proposti forse sono sempre stati presentati fuori Torino come potete vedere dalla locandina di quest’anno. L’articolo che ha attirato la nostra attenzione sfogliando le pagine di Torinosette è stato quello dedicato allo spettacolo della Nuova Barberia Carloni (che girano il mondo con le loro rappresentazioni): sono tre barbieri musicisti che per ingannare l’attesa dei clienti  (il pubblico) li intrattengono con musica e gag davvero divertenti. Peccato che abbiamo letto il trafiletto il giorno dopo l’evento. Azz! Così ci siamo informati sul festival Lunathica e abbiamo deciso di assistere alla prima italiana di uno strampalato e fantasioso duo francese Drôle d’impression. I clown interpretavano la parte di due attacchini che, attraverso varie gag, raccontavano (senza parlare) la storia di una città del nord della Francia e del suo porto (non ricordo il nome), incollando le foto in formato gigante sulla parete a loro disposizione. A raccontarvela così probabilmente non sono riuscito a suscitarvi la curiosità, ma posso assicurarvi che lo spettacolo è stato a dir poco meraviglioso e sono volate quasi due ore in un batter d’occhio! il programma di Lunathica è stato pregno di eventi, ma non siamo riusciti ad assistere ad altri spettacoli. Inoltre, quasi tutte le rappresentazioni sono gratuite. Un plauso va agli organizzatori di Lunathica per il loro lavoro di scoperta di tutti gli artisti italiani ed internazionali. Vi lascio con i soliti link di info, il video di presentazione degli artisti citati nel post e la foto del risultato finale dello spettacolo dei Drôle d’impression.

Per info: http://lnx.lunathica.it/lun/

Drole d'impression.jpg

Come anticipato nel post precedente oggi vi parlerò di una rock band francese che abbiamo avuto la fortuna di conoscere a Saint-Raphaël in occasione della Fête de la musique del 21 giugno scorso e grazie all’organizzazione di RTL2 che ha permesso ad alcuni gruppi rock di farsi conoscere. Appunto, quando si dice fortuna… I Princesse(s) non erano nella lista dei partecipanti, ma a causa dell’improvvisa assenza di un’altra band è stata richiesta la loro presenza sul palco e per il pubblico è stata una rivelazione. La band è composta da cinque ragazzi energici (due chitarre, un basso, una batteria e voce più chitarra) e con la sua allegria contagiosa ha fatto ballare e cantare tutti. Le canzoni dei Princesse(s) sono in lingua francese e il cantante, soddisfatto da ciò, ritiene che oggigiorno sono rare le rock band che cantano con il proprio idioma. Sui testi posso dire poco perché non capisco il francese, ma da quello che mi ha tradotto mia moglie deduco che le canzoni trasmettono tutte un messaggio positivo. Tra le mie preferite posso citare la trascinante Pas qu’un dans ma tête (non ho fatto a meno di utilizzare il coro uh uh uh-uh uh-uh-uh-uh-uh oh-oh oh-oh come suoneria del mio smartphone). Si tratta di un brano in cui un po’ tutti possono identificarsi: chi in passato da adolescente (e perché no anche in età adulta) non è mai stato escluso dalle feste da falsi amici perché si era un po’ timidi o introversi? Non importa, me ne fotto della festa perché il divertimento è nella mia testa! Posso ancora citare Le monde est à nous: nel mondo ci sarà sempre chi si lamenta di tutto e di tutti, ma noi ce ne freghiamo perché il mondo ed il futuro sono nostri! E che dire di J’me sens bien in cui si canta di una storia d’amore terminata, ma tuttavia è meglio così, con te non potevo fare nulla, ora sono libero di fare quello che voglio, ora mi sento bene. Il 15 marzo 2018 i Princesse(s) hanno presentato il loro primo disco (autoprodotto e distribuito da Difymusic) dal titolo omonimo (disponibile sia in digitale che in cd a 10 euro) e hanno tanta voglia di farsi conoscere anche fuori dalla Francia. Chi vuole conoscerli può contattarli cliccando sui link seguenti.

https://www.youtube.com/channel/UCLG9t4rB026FxbUzc_R7hpg

https://www.facebook.com/NousSommesPrincesses/

https://www.difymusic.com/noussommesprincesses


Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 75 follower

Archivi

Categorie

Il blog di Luca C. è stato visitato

  • 75.627 volte
Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: